Paola Ferrari si sente diffamata da Twitter e annuncia querela

Screenshot da www.lastampa.it

Sinceramente non so chi sia Paola Ferrari, e, fino ad ora, non ho avuto nessuna opportunità o interesse ad approfondire questo aspetto.

So che è una conduttrice e giornalista televisiva che si occupa di sport. Personalmente mi occupo di sport come mia moglie si occupa di sistemi liberi e open source. Cioè pochissimo.

La notorietà di questa signora è ulteriormente balzata agli onori dlela cronaca per la sua dichiarazione di voler querelare Twitter per diffamazione («Querelerò Twitter per diffamazione, sono già in contatto con i miei avvocati»).

La diffamazione consisterebbe, secondo lei, in “pesanti allusioni fisiche, insulti riferiti all’età e a presunti rifacimenti estetici”. E aggiunge: “in Italia c’è un grande buco legislativo sui social network. La mia battaglia è contro la diffamazione vigliacca e, soprattutto anonima. Nessuno si riunisce pubblicamente per diffamare o insultare qualcun altro o, se lo fa, per lo meno è passibile di denuncia. Ecco, credo allora che la cosa valga anche per Twitter.”

Ora:

a) in Italia non esiste nessun buco legislativo in materia di diffamazione;
b) in Italia la responsabilità penale è personale, e in tema di diffamazione via web, come in questo caso, la responsabilità penale è personale;

ne consegue che:

c) per i reati di diffamazione risponde chi ha diffamato. Eventualmente (ma proprio eventualmente) Twitter pagherebbe in qualità di “editore”, ma fior di sentenze e giurisprudenza consolidata chiariscono che il provider NON E’ responsabile dei contenuti immessi dall’utente. C’è stata, è vero, la sentenza contro Google Video che crea un pericoloso precedente.

Il punto è che i diffamatori sono anonimi? Non è vero che lo sono. Sono pseudonimi, il che è diverso. La polizia postale, anche in presenza di una querela nei confronti di ignoti, può indagare sui “misteriosi” autori dei tweet molesti e individuarli.

Ma querelare Twitter solo perché attaverso di esso si sono ricevute delle offese è come querelare le Poste Italiane perché ci hanno recapitato una lettera anonima piena di insulti, o querelare Libero (Tiscali, Yahoo, Gmail o chi per loro) solo perché hanno veicolato una mail da cui emergono apprezzamenti pesanti.

Un giorno qualcuno finirà per querelare Internet per il solo fatto che esiste.

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • Single a trent'anni  On 7 Luglio 2012 at 09:25

    Il problema è che “sono incinta di Balottelli” l’avevano già presa, per cui per ritirar su una popolarità in calo c’era rimasta solo questa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site