Non finirà

Reading Time: 2 minutes

Non finirà. Questa mattina alle 11, come tanti, come quasi tutti, ho ascoltato la radio che ha trasmesso l’inno nazionale italiano, seguito da tre canzoni che hanno fatto la storia della nostra nazione, “Azzurro” di Paolo Conte, “La canzone del sole” di Mogol-Battisti e “Nel blu dipinto di blu” di Modugno. L’idea era quella di far uscire la gente sulle terrazze con la radio a tutto volume e cantare a squarciagola tutti assieme, sciorinando un tricolore dai nostri veroni. Sarà che ho un quartiere molto poco collaborativo, ma non ho visto nessuno che si sia messo ad intonare i brani scelti per la mattinata alla radio. Anzi, non è fregato un tubo a nessuno se qualcuno sta annaffiando le sue rose, di quella che aveva bionde trecce ed occhi azzurri, e di volare nel cielo infinito. La gente sta in casa ed ha paura. Perché non finirà. Qualche titolo un po’ allarmistico ma con buone possibilità di prenderci ha anticipato questa mattina che le scuole riprenderanno possibilmente a settembre nella peggiore delle ipotesi. Già, ma non c’è ipotesi diversa da quella peggiore, se si guarda a tutto quello che sta succedendo. Cambierà tutto. Cambieranno i nostri rapporti sociali, il nostro modo di spostarci (saremo molto più sedentari di prima), di fare la spesa, la gente perderà il lavoro, i più fortunati che lo manterranno dovranno riconvertirsi, non ci saranno più trasferte e mobilità frenetica, le lezioni le faremo con il computer e con Skype (qualcuno ha già scoperto Google Suite), il collegamento a internet e gli smartphone diventeranno beni di primissima necessità anziché articoli di lusso, compreremo molte più cose on line e andremo molto di meno nei piccoli negozi sotto casa (ammesso che possano riaprire quanto prima), guarderemo molto di più la televisione e andremo molto di meno al cinema (sempre ammesso che anche i cinema possano riaprire), spenderemo meno soldi in carburanti per automobile e molti di più in connessione alla rete, fibra ottica e quant’altro. Ci telefoneremo molto di più ma ci vedremo sempre di meno e non dovremo fare null’altro che adattarci a queste nuove modalità di vivere. Sempre che uno non schianti prima, magari perché qualche coglione ha eluso le ordinanze della quarantena e ha infettato mezzo mondo. Come quella positiva al coronavirus, a Mestre, che è andata a fare la spesa al Lidl, ha litigato con la cassiera e le ha sputato in faccia. Sono solo esempi. Ma la nostra vita non c’è più. Cancellata da un virus e da una serie di (sacrosante) ordinanze governative, mentre noi stiamo ancora qui a guardarci i piedi e a chiederci quando finirà. Non finirà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.