musicaclassicaonline.com è vivo e lotta insieme a noi!!

Reading Time: 2 minutes

Qualche anno fa avevo realizzato un terzo sito per la diffusione di registrazioni di musica classica in pubblico dominio (incise, cioè, almeno 70 anni fa), o sotto licenza Creative Commons. Si chiama musicaclassicaonline.com e non ha una gradevolissima impostazione grafica (o fatelo meglio voi!), a tratti ci sono delle imperfezioni, ma, insomma, alla meglio funziona.

La sua gestione, però, mi era terribilmente ostica. Insomma, ero lento a inserire nuove immissioni. Inoltre, come lo stavo gestendo ultimamente non mi piaceva. Quindi l’ho lasciato lì per mesi e mesi, pensando che, alla scadenza del dominio, lo avrei tristemente abbandonato al suo destino. Tanto non se lo filava praticamente nessuno. Invece, meraviglia delle meraviglie, guardate un po’ qui:

Il sito è trafficatissimo, più del blog e di classicistranieri.com messi insieme. Bella soddisfazione. E io che pensavo che non valesse una cicca! Quindi ho deciso di resuscitarlo. La pagina Facebook relativa agli aggiornamenti è già on line e aspetta solo quel centinaio (mi accontento di poco) di like per ripartire.

Devo ancora risolvere il problema della versione PHP del server che devo aggiornare alla più recente disponibile, aggiornare WordPress, reindirizzare il file di configurazione al nuovo database MySQL e poi si parte con gli aggiornamenti (li vedete nella apposita sezione della riproduzione dei feed RSS qui accanto). Sarà, per la prima volta, un sito completamente senza pubblicità. Un po’ perché con gli annunci di Google su classicistranieri.com e sul blog guadagno abbastanza da potermelo permettere, un po’ perché così facciamo felici quelli di magnatune.com, che sono tra i principali fornitori di materiale sonoro (ma non solo, ci sono anche delle registrazioni storiche e perfino qualcosa di estratto dal sito di quei simpaticoni di Liber Liber). Insomma, si comincia, pian piano a riportare in vita la risorsa, che avrà tanti ma tanti accessi, alla facciaccia di chi chi ci vuole male.

Perché cercate tra i morti colui che è vivo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.