Ministero delle Politiche Agricole e Forestali: al via “SMS consumatori”

Quanto è giusto spendere per un chilo di arance o di zucchine? Da oggi i consumatori italiani potranno chiedere e ottenere le risposte giuste attraverso semplici messaggi sul proprio telefonino, grazie al progetto “Sms Consumatori”. Si tratta di un servizio gratuito di informazione sui prezzi di 50 prodotti ortofrutticoli, realizzato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali in collaborazione con Intesa Consumatori (Federconsumatori, Adoc, Adusbef, Codacons).

“Sms Consumatori”, è una novità assoluta nel panorama della Pubblica Amministrazione italiana e internazionale: “Utilizzando le più moderne tecnologie informatiche e la telefonia mobile, il Mipaf dà a tutti i cittadini la possibilità di accedere ad informazioni utili, in tempo reale e senza alcuna spesa per gli utenti. In questo modo – spiega il Ministro delle Politiche agricole e forestali Gianni Alemanno – garantiamo un servizio importante e rispondiamo alle esigenze di tutela dei consumatori, che non solo potranno conoscere i prezzi medi dei principali prodotti ortofrutticoli, ma potranno segnalare anche prezzi troppo elevati ”.

Grazie a “Sms Consumatori”, infatti, i cittadini, spesso disorientati dalle variazioni dei costi dei prodotti alimentari, avranno la possibilità di svolgere un ruolo attivo nelle politiche di contenimento dei prezzi, comunicando eventuali difformità rispetto alle medie che verranno fornite dal Ministero: le segnalazioni, in caso di forti oscillazioni, potranno essere poi trasmesse alle Autorità competenti in materia di controllo sui prezzi.

Per usufruire del servizio, i consumatori dovranno semplicemente inserire il nome del prodotto nel testo del messaggio, inviandolo ai due numeri di “Sms Consumatori”, già attivi dai primi di febbraio: il 48236 per gli abbonati Tim, Wind e Tre, il 4312345 per gli abbonati Vodafone.
La risposta, a firma del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, riporterà non solo il prezzo medio al dettaglio dei prodotti ortofrutticoli, suddiviso in tre macroaree territoriali (nord, centro e sud), ma anche i prezzi medi all’origine e all’ingrosso.

I prezzi medi al dettaglio sono ottenuti tramite rilevazioni quotidiane effettuate cinque giorni su sette – dal martedì al sabato -, da 44 rilevatori in circa 1700 punti vendita tra supermercati, negozi al dettaglio, discount e mercati rionali localizzati in tutto il territorio nazionale.
I prezzi all’origine e all’ingrosso, invece, sono forniti settimanalmente dall’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA).

Ulteriori informazioni e maggiori dettagli dei prezzi si possono trovare sia nei siti internet del Ministero delle Politiche agricole e forestali agli indirizzi www.politicheagricole.gov.it, www.aiol.it, sia sui siti delle Associazioni dei consumatori (www.intesaconsumatori.it, www.federconsumatori.it, www.codacons.it , www.adusbef.it , www.adoc.org)

da: www.politicheagricole.it

 

43 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.