Michele Santoro lascia la RAI e la RAI lascia volentieri Michele Santoro

Michele Santoro e la Rai si sono separati consensualmente.

Con sette voti a favore e due astenuti (nota bene, nessun contrario), se ne va "Anno Zero". Il giornalista resterà per altri due anni in azienda, fino alla scadenza naturale del contratto, poi, verosimilmente, via dai coglioni anche lui.

E’ una chiara epurazione. Consensuale, però… (1)

 

(1) cfr. "Maria m’ha lasciato ma l’ho deciso io", in Madonna che silenzio c’è stasera, di Francesco Nuti.

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • Single a trent'anni  On 20 Maggio 2010 at 09:26

    Ma quale epurazione. E’ Santoro (o sant’oro?) che vuole più vaini. Come dipendente RAI è limitato a una certa cifra, come libero professionista a partita iva chiede cosa ni pare. Intanto vi ciancia dell’epurazione e vi fa credere che è colpa di abberlusconi, e voi abboccate come lucci :)

  • Valerio Di Stefano  On 20 Maggio 2010 at 11:44

    Mi spiace che tu non regga nemmeno il semolino. E’ chiaro che parlare di “epurazione consensuale” è un controsenso, un ossimoro con intento satirico, soprattutto per caratterizzare Santoro come quello che è. Sai, dai “servitori dello Stato” ai “servi del potere” il passo è breve. Un te la piglià’!

  • Singleatrentanni  On 21 Maggio 2010 at 12:50

    Girale poino le frittate, che stavolta Santoro t’ha menato ben ben per il naso pure a ttia :)

    sa30a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site
Don`t copy text!