Maria Grazia Laganà (PD) condannata in primo grado a due anni

Presidenza della Repubblica - Tratto da http://it.wikipedia.org/wiki/File:Lagan%C3%A0_Napolitano.jpg

L’onorevole Maria Grazia Laganà, del Partito Democratico, vedova di Franco Fortugno, è stata condannata in primo grado alla pena (sospesa) di due anni per truffa, falso ed abuso.

La Laganà, che si autoproclama innocente e che proseguirà in appello la battaglia per il riconoscimento delle sue ragioni ha dichiarato: “Reputo doveroso autosospendermi da ogni incarico di partito, dal gruppo parlamentare e anche da iscritta del Partito Democratico”.

Gesto nobile e dignitoso. Ma perché nessuno pensa mai ad autosospendersi o addirittura dimettersi dalla carica di deputato almeno dopo una condanna in primo grado, non perché questa condanna costituisca un’onta (non è una condanna passata in giudicato, quindi la Laganà, come chiunque altro non può e non deve essere considerata colpevole), ma per difendersi con le stesse prerogative e con le stesse caratteristiche di partenza di un normale e comune cittadino.

Secondo la legge in discussione in Parlamento sull’incandidabilità alla carica di Parlamentare, non dovrebbero essere candidabili le persone con una condanna superiore a due anni di reclusione (difficilmente ci si arriva, nel qual caso sarebbe sufficiente ricorrere al patteggiamento). Quindi la Laganà, come molti altri, potrebbe essere di nuovo candidabile.

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.