L’Open Source ha una nuova alleanza

Reading Time: 2 minutes

Ieri i boss di dieci aziende che operano sul mercato del software open source si sono stretti la mano per dar vita ad Open Solutions Alliance (OSA), un’organizzazione finalizzata a migliorare l’interoperabilità fra differenti soluzioni open source di classe enterprise.

OSA intende raggiungere il proprio obiettivo integrando i prodotti dei suoi membri, rilasciando certificazioni di qualità e promuovendo la cooperazione fra gli sviluppatori open source. "L’adesione all’alleanza – si legge sul sito di OSA – è aperta a tutte le organizzazioni che forniscono soluzioni open source di qualità e business-ready".

Tra i fondatori di SA si contano SourceForge.net, CollabNet, Talend, Spike Source ed EnterpriseDB. Queste aziende sostengono che l’interoperabilità fra soluzioni open source sia un fattore cruciale per riuscire a competere con le piattaforme proprietarie di colossi come IBM, Microsoft e Oracle.

Sebbene i produttori di software open source aziendale siano centinaia, e OSA ne conti al momento solo dieci, i fondatori dell’alleanza sono fiduciosi nella possibilità di coinvolgere nell’iniziativa molte altre aziende e comunità di sviluppo, inclusi MyQL, SugarCRM, RedHat e Novell.

Inizialmente OSA focalizzerà i propri sforzi nel creare e promuovere tool, framework e linee guida tesi a semplificare l’integrazione e l’interoperabilità fra applicazioni.

Iniziative di questo tipo non sono certo nuove nel mondo open source, basti citare la Debian Common Core Alliance, l’Open Management Consortium, Linux Foundation e le diverse alleanze focalizzate su specifici settori del mercato open source, come quello mobile.

da: www.punto-informatico.it

Tutti i contenuti di Punto Informatico sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons, salvo diverse indicazioni.
L’editore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su Punto Informatico avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d’invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.