Lo stillicidio delle dimissioni di Renata Polverini

Reading Time: < 1 minute

L’eterno altalenarsi delle notizie riguardanti una possibile ma non imminente, una ventilata ma non formalizzata, una quasi-certa ma non ancora certa ovvero certissima determinazione da parte di Renata Polverini a rassegnare le dimissioni dalla carica di Presidente della Regione Lazio, costituisce uno stillicidio insopportabile per qualunque persona di buon senso che ami mediamente informarsi attraverso i giornali e che ricerchi la conferma dell’inevitabile. Conferma che non arriva MAI.

Perché un gesto oramai inevitabile non può essere disannunciato per una questione di maggioranze risicatissime, di voti che si contano sulla punta di un dito di una mezza mano monca, di equilibrismi che non rappresentano più nessuno, ora che alcune delle parti delle pedine che sono state ad assistere inerti a tutto questo sfascio hanno tolto la loro presenza dal Consiglio Regionale.

E viviamo in questo anda e rianda di sensazioni, pensieri e parole, oper e omissione. Dove l’unica omissione certa sono le dimissioni che non arrivano, di chi non può più occuparsi del governo di una regione perché ha perso l’equilibrio dell’opposizione. Che, poi, tanto opposizione non era, but that’s another story.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.