Lo spamming si affina e diventa sempre più; pericoloso

Ricevo tonnellate di spamming. Come tutti. E come tutti lo cancello pazientemente. Non me ne sono mai fatto un problema, è il prezzo che bisogna pagare per avere uno straccio di indirizzo e-mail. In una parola, per esistere in rete. Che, poi, è un esistere tout-court.

Da un po’ di tempo, però, arrivano esempi di spamming come questo. Sempre più maltradotto (o, peggio, tradotto con uno di quei traduttori automatici da quattro soldi che fornisce Google) e sempre più spinto. Quello che vi ho riportato qui (ah, è inutile che tentiate di clicare sul link, è un’immagine! e comunque il link l’ho oscurato io) è un esempio, e neanche dei più truculenti.

A qualcuno piace così. : - (

9 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.