Lo spamming fatto bene che sembra provenire dall’Enel (ma non è così)

Reading Time: 2 minutes

 1,346 total views,  2 views today

Attenzione, che sta diffondendosi, anche con una certa insistenza, una forma di spamming fatto veramente bene (non le solite patacche per spillarvi i quattrini quando vi masturbate guardando dei siti porno, per intenderci) in tutta apparenza proveniente dall’Enel.

Vi chiedono, come hanno fatto con me, di pagare delle bollette arretrate per la fornitura dell’energia elettrica, o vi informano, come nel caso che vi presento, che se volete ricevere la bolletta via PEC potete collegarvi a un determinato link (farlocco, ma del tutto simile a una pagina del sito ufficiale dell’Enel) e fornire i vostri dati (ah, i dati… cosa farebbero gli spammer senza le nostre credenziali…). Dicevo che è spamming fatto bene perché hanno curato ogni dettaglio, dall’e-mail di provenienza al testo, scritto in un italiano perfetto, dagli elementi iconografici (e va be’, per quello ci voleva poco) alle referenze dell’azienda a pie’ di pagina. Insomma, ci si sono messi d’impegno.

Peccato per loro che, come nel caso in specie, una mail spedita da un indirizzo PEC a un indirizzo di posta elettronica tradizionale, non abbia quell’aspetto: non è immediatamente apribile (per arrivare al contenuto dovete fare un paio di clic in più) e, soprattutto, la mail contiene un allegato assai sospetto, un file .xlsm che dovrebbe contenere delle macro che destano sospetti. Non apritelo, quindi.

Come faccio a sapere che è proprio spamming? Perché io NON sono cliente Enel (o come ci siete rimasti?) e, soprattutto, perché non consumo tutto quel ben di Dio di energia elettrica. Ma se voi lo siete e avete bollette vagamente equipollenti, fate bene attenzione perché questi stronzi di spammer sono sempre in agguato. Non chiedetevi se vogliono quattrini, perché anche se si accontentano solo del vostro indirizzo e-mail o riescono a infettarvi il computer di robaccia, lo scopo è già raggiunto. Il loro obiettivo siete VOI. Fatevene una ragione.