L’Ema: Astrazeneca è “efficace” e “sicuro”

Reading Time: < 1 minute

Alla fine, come si direbbe a Livorno, “sette suo!”

Insomma, è ufficiale, il vaccino Astrazeneca è “efficace”, “sicuro” e, soprattutto “non può essere associato a un incremento degli eventi di trombosi”.

“I benefici sono superiori ai rischi. Il vaccino non è legato a rischio trombosi”.

Ma, dice ancora Emer Cooke, “sulla base delle evidenze disponibili e dopo giorni di analisi approfondita dei report clinici dei risultati in laboratorio, delle autopsie e di ulteriori informazioni dagli studi clinici, non possiamo ancora escludere definitivamente un legame tra questi casi rari (effetti collaterali e trombosi, NdR) e il vaccino”.

“Fino a ieri, gli eventi sospetti di trombosi cerebrali sono stati sette in Germania, tre in Italia, due in Norvegia, uno in Spagna, oltre a tre nel Regno Unito e due in India”,

Pare, quindi, che l’agenzia non abbia assolutamente negato la possibilità o addirittura l’esistenza di casi avversi, ha solo detto che questi casi sono infinitesimali rispetto al totale delle inoculazioni (e le statistiche andrebbero bene, se si parlasse di PC, patate, pezzi di ricambio. Ma qui si sta parlando di persone!).

Anche il foglietto illustrativo del vaccino dovrà essere aggiornato: “è importante che venga comunicato al pubblico e agli operatori sanitari perché apprendano meglio queste informazioni, permettendo loro di mitigare questi effetti collaterali”.

Insomma, il massimo risultato con il minimo sforzo. Dovremo vedere che cosa dirà il foglietto illustrativo, nel dettaglio. Intanto che aspettiamo, continuiamo a dire che noi consideriamo questi “casi” come persone. Al 100%. E come tali le trattiamo.