La sconfitta a metà di Roberto Saviano

Io non so se sono io che sono pessimista e non so guardare all’essenza delle cose che considero quella di Saviano una sconfitta e anche sonora, o se è lui che, evidentemente più ottimista, dice trattarsi di una “Vittoria a metà”.

Fatto sta che ha intentato una causa di dimensioni enciclopediche per le minacce ricevute dalla criminalità organizzata e i boss dei Casalesi, Bidognetti e Iovine, sono stati assolti con formula piena. E’ stato solo condannato un avvocato, oltretutto a una pena risibile, un anno di reclusione e siamo sempre solo in primo grado. La sentenza, oltre che Saviano, riguarda anche la giornalista Rosaria Capacchione, oggi senatrice del PD, perché nel frattempo ha deciso di non farsi mancare nulla.

Ecco, a dirla tutta a me non sembra tutto questo gran risultato. Voglio dire, non è che c’è da gioire, sia pure a metà, con una sentenza di questo genere, e i “guappi di cartone” saranno anche tali, ma intanto sono stati assolti, sintomo di una impunità che in Italia premia sempre. E di processi-montagna che partoriscono condanne-topolino. Poi, soprattutto, titoli sui giornali a piovere, chè non si dica mai d’aver perso un’opportunità per strillare ai quattro venti che Saviano ha vinto a metà.

61 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.