La professoressa misura gli alunni

(screenshot da www.lastampa.it)

Una volta la nobile arte di vedere chi ce l’aveva più lungo veniva appresa in proprio, in gruppo tra ragazzetti della stessa età, con misuratori alquanto rudimentali (il righello, il metro da falegname, un bastoncino d’olivo su cui fare la classica "tacca" cercando di fregare uno o due centimetri).

Dava luogo a una serie di leggende metropolitane e di dicerie che rendevano onore al primo in classifica o ridicolizzavano l’ultimo malcapitato che, si diceva, "non ha ancora fatto lo sviluppo" (sembrava di parlare di pellicole fotografiche).

Ora è una disciplina che si insegna  a scuola e ci sarebbe da ridere se la notizia fosse una cazzata falsa, ma invece, tanto per cambiare, è una cazzata vera.

In una scuola media della provincia di Napoli c’è proprio una professoressa specializzata in questo, e c’è da scommettere che si sia profondamente indignata alla notizia della denuncia nei suoi confronti, perché lei è una Docente specializzata ed essenziale per il dialogo formativo degli studenti, oh!

Chissà se la scuola del prossimo ministro dell’istruzione (Valentina Aprea, probabilmente, il cane mastino da guardia della Moratti, chè Formigoni non rinuncia certo alla carica di Presidente della Lombardia per fare il Ministro di una cosa inutile come l’istruzione) prevede anche questa straordinaria capacità dei Docenti di procedere all’autoaggiornamento su materie specifiche come questa.

Non c’è che da proporre un encomio ufficiale per la collega ingiustamente perseguitata per aver contribuito a sollevare il morale ai teneri virgulti della Scuola Media Nazionale, e stigmatizzare l’atteggiamento parassita e insopportabile di tanti docenti che continuando a fare lezione in classe e pretendendo perfino che i propri alunni studino, a spese dei contribuenti italiani che non sono più disposti a investire i loro danari su cose tutto sommato acessorie come la scuola.

7 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.