La pensione “rilassata” di Bertolaso

Bertolaso va in pensione.

Non si capisce perché la sua decisione di ritirarsi, pagato dalla Previdenza italiana e dalle tasse dei cittadini, dalla vita lavorativa, non corrisponda anche alle sue dimissioni da sottosegretario del Governo (si è mai visto qualcuno dell’esecutivo lasciare il proprio posto solo perché va in pensione? Non mi pare…), ma il meccanismo, nemmeno tanto lento, dell’oblio di massa è passato anche sopra a questa evidente contraddizione in termini.

Bertolaso non va solo in pensione, evidentemente, ma spegne i riflettori sulla sua figura e, soprattutto, sulle tante pessime figure rimedite negli ultimi anni del suo mandato, in primis la gestione dell’emergenza post-terremoto a L’Aquila con tutto quello che ne consegue.

La pensione è quella cosa per cui chi ne ha diritto e ne usufruisce, poi viene completamente dimenticato dal resto del tessuto sociale.
Si libera dall’evidenza della notorietà e gode di una sorta di amnistia mentale collettiva che termina in un corto circuito evidente in cui il giudizio sul personaggio e sull’operato della sua funzione pubblica viene congelato, per non dire evaporato.

Bertolaso scende dal palcoscenico, dunque.

Qualcuno dice "ci mancherà". Ad altri, me compreso, non mancherà affatto.

Tutti, immancabilmente e incondizionatamente, saremo però disposti volentieri a formattare quella parte della nostra memoria in cui erano incisi i dati su L’Aquila, sui rifiuti di Napoli e della Campania, le sue interviste ad "AnnoZero" tese a rassicurare l’opinione pubblica di Terzigno che in realtà non sta accadendo niente di così grave, nonché l’essersi smarrito dopo l’incontro con una Signorina che gli aveva dato una "rilassata".

88 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.