La musicassetta

La musicassetta era un oggetto di culto.

Eppure l’hanno messa fuori produzione solo due o tre anni fa e ci sembra già  preistoria.

La musicassetta era, soprattutto, la C-60 (mai capito cosa ci stesse a fare quel "C-" e credo lo abbiano capito in pochissimi) o, per quelli che volevano concedersi l’extra lusso, la C-90: ben un’ora o un’ora e mezzo di registrazione, con possibilità  di cancellare e sovrascrivere quello che non ti interessava, praticamente la manna, che ci facevi con i DVD-RW??

Esistevano anche le C-120, ma venivano regolarmente sconsigliate perché "sforzavano troppo il motorino" e siccome il nastro era più sottile rischiavi che si strappasse nel migliore dei casi o che andasse a creare in instricabile aggrovigliamento con le testine.

Testine che si sporcavano periodicamente e andavano pulite. E anche lì c’erano diverse scuole di pensiero, chi diceva che bisognasse utilizzare i Cotton Fioc a secco, chi usava l’alcool, chi uno straccetto, ma capitava sempre che una cassetta sputasse un po’ troppo ossido e rendesse poco "fedele" l’ascolto.

Poi c’erano quelli che compravano sempre e solo quella marca, come se appartenessero a partiti politici o fosserop tesserati di squadre di calcio di serie A. La TDK era una fede, e poi c’erano quelli che amavano le Maxell (le Sony vennero un po’ dopo).

La cassetta era considerata universalmente ed erroneamente un mezzo per cuccare.

Più economica ma sensibilmente meno efficace di un mazzo di fiori, una C-60 poteva avere un potenziale seduttivo notevolissimo, a patto di azzeccare la successione dei primi tre o quattro brani della compilation personale da dare all’amata, ché tanto l’avrebbe stoppata a quel punto, fregandosene di andare avanti nell’ascolto.

E le etichette erano generalmente variopinte, ogni compilation amorosa su cassetta costituiva un pezzo unico ed irripetibile (sì, si poteva fare la copia di una cassetta, ma la qualità era assai scarsa, a meno che l’originale non fosse eccellente).

In breve, la cassetta era una metafora del due di picche, tutte te la chiedevano ma nessuna alla fine te la dava.

54 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.