La Estacion Internacional de Ferrocarriles de Canfranc (e il diavolo che se la porta)

El Ferrocarril de Canfranc è una cattedrale nel deserto.

Canfranc è un paesino che si trova a pochi chilometri dal confine francese, una volta era veramente un pugno di case, con un bar, un ufficio di cambio e, molto più tardi, un ufficio turistico. Niente altro. A parte i Pirenei intorno, un vento che quando tira ti fa restare intirizzito lì anche a luglio, ma, soprattutto, la “Estacion internacional”.

Inaugurata da Alfonso XIII nel 1928, e da quell’anima buona del dittatore Primo de Rivera, la stazione è un edificio di dimensioni assolutamente imponenti, ciclopiche e gigantesche.

Solo che è da svariati decenni completamente abbandonata. 20 anni fa ci passavano otto treni al giorno (quattro partivano e quattro arrivavano). Quest’anno ce ne passano quattro (due all’andata e due al ritorno). Nient’altro.

Naturalmente si tratta di una stazione terminale, oltre Canfranc, verso la Francia, c’è il nulla ferroviario, la terra di nessuno, e i collegamenti interrotti ormai dalla guerra civile 1936-1939, nota per i Wikipediani, gli ignoranti e i pisani, entità che spesso coincidono).

Dedico questa icona al degno compare e puzzone Mancinelli Enio (o Falaschi Rutelio), che a Canfranc patì una delle esperienze più travagliata della propria esistenza (quasi peggio di uno stranguglione di tortilla de chorizo…).

69 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.