Iva Zanicchi – Un fiume amaro – Le piu’ belle canzoni della nostra vita

"Fiume amaro", ovvero quando Iva Zanicchi cantava le canzoni di Mikis Theodorakis, interprete schietta e genuina di una tradizione popolare, oserei dire "proletaria", dei versi e delle musiche del musicista e poeta greco.

Autentica "musa", per la Zanicchi si fecero in quattro i traduttori che hanno saputo rendere un metro non sempre facile da adattare musicalmente. Mi risulta che il testo italiano di questa canzone sia stato firmato da un tal Turnimelli.

Eccellente l’idea del coro: "C’è un fiume amaro dentro me/il sangue della mia ferita/ma ancor di più è amaro il bacio/che sulla bocca tua mi ferisce ancor…", che sa di tragedia greca delle origini e ricorda il "Nabucco" (questa del "Nabucco" me l’ha suggerita mia moglie, che è un genio).

Ma come avrà fatto a conciarsi così e a stare inossidabilmente con Berlusconi? (Iva Zanicchi, non mia moglie…)
227 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.