Il vaccinismo a oltranza di David Puente

Reading Time: 2 minutes

 1,122 total views,  1 views today

David Puente ha fatto carriera. Fino a poco tempo fa, su Twitter, si dichiarava un aspirante “giornalista” presso Open On Line, adesso la dicitura è cambiata e il Nostro è diventato “Responsabile del progetto Fact Checking di Open Gol”, che non so bene cosa voglia dire, ma sembra una cosa importante.

Andando a cercare la stringa “David Puente” su Google, inoltre, si legge che sarebbe addirittura un “produttore televisivo”.

Eh, sì, il tempo passa inesorabile e i debunker fanno carriera.

Tra i suoi ultimi interventi su Twitter (vi ricordo che sono stato bannato dal suo account, ma tanto ho tutti i mezzi per leggerlo e criticarlo lo stesso), figura anche un intervento piuttosto discutibile che mi piace sottoporre alla vostra attenzione.

Ora, che David Puente sia un vaccinista lo sappiamo tutti, non è una novità. Che dire? Beato lui che se lo può permettere e che non ha mai avuto reazioni gravemente avverse, come le ho avute io (inizio di shoc anafilattico), alla somministrazione di un siero. Purtroppo io devo andarci molto, ma molto più cauto. Non posso permettermi di scegliere tra le due alternative proposte.

Che ci siano due scelte, quella di vaccinarsi e quella di non vaccinarsi è altrettanto lapalissiano, tanto da rasentare quasi lo scontato e l’ovvio.

Quello che, invece, non è affatto dimostrato è che il non vaccinarsi prolunghi la pandemia (che Puente scrive in modalità assolutamente maiuscola, nemmeno fosse una categoria dello spirito kantiana) e favorisca lo sviluppo di nuove varianti. Né che, per contro, il vaccinarsi impedisca questo processo, visto che la vaccinazione completa offre solo un’alta percentuale di copertura dal rischio di non ammalarsi (non di non contrarre l’infezione). Il virus esiste ed evolve “ex se”, non sta a guardare se uno è vaccinato o no. In Italia sono già stati indivituati due casi di variante Epsilon e pare proprio che questo tipo di variante riesca ad eludere totalmente gli anticorpi prodotti dalla magica punturina. Di che cosa stiamo parlando? Di niente, di fuffa, di argomentazioni totalmente generiche. Il New Zeland Herald riferisce, inoltre, che sono stati registrati altri casi di un’altra variante, la Lambda, presente in oltre 30 paesi, Regno Unito e Australia compresi.

Ciò che tutti pagheremo molto, ma molto caro, sarà l’aver puntato tutto sui vaccini e niente, ma proprio niente, sulle cure.