Il giorno dello sciacallo

Reading Time: 2 minutes

 119 total views,  1 views today

Lo sciacallo, in quanto animale, non sembra avere questo aspetto così crudele.

Quando lo sciacallo è uomo, invece, riesce a compiere azioni estremamente riprovevoli e generatrici di una ripugnanza universale.

Nei campi degli sfollati c’è stato chi vendeva carne di manzo a 80 euro al Kg., a un signore che stava piangendo su quello che non aveva più un delegato di una banca è andato a ricoradre che aveva la rata del mutuo in scadenza il venerdì successivo. Questo signore aveva solo 5 euro in tasca.

Ci sono i primi strozzini, chi compra oro per quattro soldi, e proprio nelle ore in cui scrivo quattro romeni saranno processati per direttissima per essersi impossessati degli oggetti della casa di una signora anziata morta nel crollo della notte tra domenica e lunedì scorso. Tutti si aspettano una sentenza esemplare, ma nessuno sa che per il processo per direttissima è garantito lo sconto di un terzo della pena. Se gli imputati arrivassero al patteggiamento la pena finale effettivamente comminata potrebbe essere particolarmente mite.

E allora tutti si opporrebbero con indignazione contro giudici colpevoli di aver applicato solo la legge, in un’aula di giustizia improvvisata perché Tribunali e quant’altro sono anch’essi macerie.

Tra gli atti di sciacallaggio più biechi, registro quello di chi, approfittando della propria carica di potere esecutivo, abbraccia persone che non rivedranno mai più la loro casa per tutta la loro vita, nel giorno straziante del funerale dei propri cari. E si fa propaganda, come ha sempre fatto, annunciando: