I pregiudizi e il preconcezionismo occidentali sulla “primavera araba”

Reading Time: 2 minutes

“La primavera araba” è una di quelle espressioni vuote che hanno inventato gli occidentali per definire in maniera frettolosa e approssimativa fenomeni di protesta e di autodeterminazione della gente di Egitto, Libria e Tunisia che hanno radici e conseguenze molto complesse.

Probabilmente qualcuno pensava che a seguito di quei momenti di ribellione contro i tiranni e i dèspoti, Egitto, Libia e Tunisia si sarebbero trasformati in Paesi invasi da hamburger, fast food, Coca Cola a fiumi, e che avrebbero cambiato la loro mentalità e sensibilità sociale e religiosa in una dépendence a stelle e strisce.

E allora ci si indigna, e ci si continua ad indignare che in questi paesi gli Stati Uniti vengano così duramente e pesantemente vilipesi solo perché qualcuno ha avuto l’ardire di fare un film critico su Maometto.
Nel nostro mondo occidentale malato di protagonismo fino alle sue conseguenze più estreme e rivoltanti, non ci passa neanche per l’anticamera del cervello che quello che facciamo passare come “libertà di espressione” non possa e non debba andare a ledere il senso religioso dell’altro.
Non si tratta di “Ultimo tango a Parigi”, per cui l’arcinota scena del burro viene tagliata in nome di un bigottismo di maniera e di un senso del pudore che, anche a quei tempi, in Italia non c’era mai stato. Non si tratta di censura, anzi, proprio del contrario. E’ aperto e malcelato calpestare una sensibilità religiosa attraverso la realizzazione di un lavoro discutibile. La dissacrazione va bene contro i potenti o i politici di ogni razza e colore, non contro un diritto soggettivo della persona, quello di esercitare la propria libertà religiosa e non vedersi diffamati solo per questo fatto. O per il fatto di essere musulmani. Che non vuol dire essere figli di un dio minore, se il dio maggiore è il “vuoto mito americano di terza mano” di cui parlava il Poeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.