Giuseppe Conte: too little too late

Giuseppe Conte ha svolto un’ esemplare comunicazione al Parlamento. Conte non ha soltanto criticato il suo vice e traditore Salvini, lo ha annientato, annichilito, massacrato, crocefisso mentre lui (Salvini) baciava il rosario. E a nulla gli è servito raccomandare se stesso e la nazione italiana al sacro cuore di Maria, Conte ha avuto la meglio nonostante le polemiche della sua Lega e le vivissime acclamazioni anche da parte dell’opposizione. Non nego che anch’io mentre guardavo la diretta dal Senato ho pensato con soddisfazione “Adesso lo finisce!” Conte è certamente un gentiluomo e merita l’onore delle armi. Poi però basta. Conte è stato il capo del governo che faceva riferimento a un patto scellerato tra gli inqualificabili 5Stelle e gli intolleranti xenofobi della Lega. Durante il suo governo è stato approvato il decreto sicurezza bis con un voto di fiducia, fiducia venuta meno dopo pochissimi giorni da uno dei due partiti della coalizione fino ad arrivare alla sfiducia ritirata in zona Cesarini prima delle inevitabili dimissioni di Conte al Senato. Ha avuto coraggio, Conte. È stato elegante e galantuomo, rispettoso delle istituzioni repubblicane e democratiche, cosa che è il MINIMO che ci si possa e che ci si debba aspettare da un rappresentante politico. Adesso però se ne vada a casa. Lui è il suo governo fallimentare. Lui è la sua politica di limitazione dell’aumento dell’immigrazione clandestina che ha prodotto danni e solo danni. Vada a casa col suo governo sovranista, vada a casa perché è l’unico modo di salvare la faccia davanti agli scandali di OpenArms e di tutto quello che verrà, prima che la Corte Costituzionale ci metta una mano per un gesto di pietà. Vada a casa, professor Conte.
143 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.