Giulia Sarti, vittima di revenge porn, non vota l’emendamento dell’opposizione che la tutela

Quando si dice obbedire alle logiche di partito non si dice mai abbastanza: Giulietta Sarti, vittima di revenge porn, minacciata più volte e da più parti di diffusione di video e immagini intime di cui è protagonista da parte di soggetti il più possibile variegati e malintenzionati, ha deciso di non votare a favore dell’emendamento dell’opposizione su una materia che la riguarda così da vicino e in modo così cogente (come parlo ammodino, quando mi ci metto!) L’unico motivo per cui può non averlo fatto è molto semplice: si trattava di un dispositivo proposto proprio dale opposizioni, e la maggioranza gialloverde uno smacco del genere non se lo può permettere, proprio no. Per cui tutti barricati dietro al respingimento della norma e dietro alle direttive dei capetti del Movimento.

Resta, tuttavia, quello che ha scritto la Sarti su Facebook: “Ringrazio tutti coloro che in questi giorni hanno espresso reale e sincera vicinanza nei miei riguardi.  A tal proposito, in virtù di quel che ho passato, io così come molte altre donnepurtroppo, ci tengo a sottolineare che il caso in questione, cosiddetto Revenge porn, discusso in queste ore nell’ambito del Codice Rosso, non può certo risolversi attraverso l’approvazione di un mero emendamento” “la materia è talmente delicata da richiedere un ampio dibattito non solo parlamentare, bensì giuridico-sociale, volto dapprima a coinvolgere esperti, vittime, famiglie, analisti, giuristi e tutte le varie articolazioni dello Stato competenti come la Polizia postale e delle comunicazioni. È un tema importantissimo, una sua seria regolamentazione non può rischiare di nascere monca”.

Un’occasione sprecata, una explicatio non petita. Nausea.


69 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.