Frattini indagato per abuso d’ufficio sulla base di un esposto di un cittadino


(screenshot da Repubblica.it)

Dunque Frattini è indagato ufficialmente dalla procura della Repubblica di Roma per abuso d’ufficio.

Solita retorica. Da una parte la magistratura dice che l’iscrizione nel registro degli indagati e la trasmissione degli atti al Tribunale dei Ministri sono un atto dovuto, dall’altra il politico indagato risponde che si sente sereno e attende con assoluta tranquillità il corso della giustizia.

Cazzo, avessi sentito mai un magistrato dire una cosa del tipo "Non dovrei nemmeno iscriverlo questo qui nel registro degli indagati, ma lo faccio per uno scrupolo di coscienza professionale, magari un giudice potrebbe anche assolverlo, perché potrei anche avere torto a formulare questa accusa", così come non ho mai sentito un politico indagato dire "Non sono affatto tranquillo,  anzi, me la sto facendo sotto."

La cosa che fa pensare è che l’indagine è partita sulla base di un esposto di un militante vicino a Futuro e Libertà. Un cittadino. Magari dalle idee politiche un tantinellino discutibili, ma pur sempre un cittadino. Che ha informato la magistratura di un evento di cui è venuto a conoscenza. E cioè che Frattini avrebbe acquisito delle documentazioni da Santa Lucia che attesterebbero che la famosa casa di Montecarlo è di proprietà di Tulliani, cognato del Presidente della Camera. E che non poteva farlo perché non era di sua competenza.

Ora,  Frattini ha  risposto in Parlamento, cioè in seduta pubblica usando quelle documentazioni. Com’è che la Magistratura agisce sulla base dell’esposto di un cittadino e non in base all’evidenza della pubblicità dell’agire di Frattini?
Voglio dire, se io vedo il mio vicino che tutte le sere riceve le visite, poniamo il caso, di una puttana minorenne ma non troppo, poniamo il caso di diciassette anni e mezzo, e vedessi la traviata uscire dalla sua casa tutte le sere con un mucchio di soldi in una busta, poniamo il caso conferitigli a titolo di pagamento della sua prestazione sessuale, lo vedo solo io. E’ chiaro che la Magistratura non lo può sapere se non glielo dico.

Ma che diamine, Frattini va in Parlamento, ne parlano tutti i giornali, l’abuso d’ufficio è perseguibile d’ufficio, ci voleva l’esposto del privato cittadino per far partire un’indagine?

Pare di sì, perché in Italia la notitia criminis non può passare attraverso l’osservazione della realtà da parte dei magistrati. E’ la logica del sentito dire. Io ti indago perché ho sentito dire da qualcun altro che tu hai fatto questo, non sono io che mi prendo la briga di verificarlo direttamente.

La calunnia, si sa, è un venticello.

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • Single a trent'anni  On 2 Febbraio 2011 at 09:00

    Piccola postilla: non è che si procede “d’ufficio” quando il magistrato ha il sentore di un reato.

    Si procede “d’ufficio” appena il fatto viene reso noto al magistrato (basta un esposto), a differenza degli altri casi in cui si procede “a querela di parte”.

  • Valerio Di Stefano  On 2 Febbraio 2011 at 17:22

    Ecco, lo vedi quando dico che qualcuno doveva prenderti a sacrosanti storcioni da piccino…

    E certo che il magistrato non agisce in base al “sentore”.
    Agisce in base alla *notizia* di un fatto.

    Ed è altrettanto chiaro che la notizia gli può arrivare sì da un esposto di un comune cittadino, ma anche perché il fatto di per sé è noto per conto suo.

    Se uno dichiara in TV di non pagare le tasse non c’è bisogno che arrivi il cittadino con l’esposto, si agisce subito. Ed è quello che si sarebbe dovuto fare anche con Frattini.

  • Single a trent'anni  On 2 Febbraio 2011 at 18:34

    “se uno dichiara in tv di non pagare le tasse si agisce subito”

    Ma anche no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

How to whitelist website on AdBlocker?

  • 1 Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  • 2 Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  • 3 Refresh the page and start browsing the site