Franchi tiratori

Reading Time: 2 minutes

L’Italia dei Valori, dopo il voto alla Camera che dà il via a una delle leggi più orrende e vigliacche della storia della Repubblica, ha protestato in aula espondendo scritte e annunci mortuari sulla fine della libertà di informare e di essere informati.

E’ tutto vero, c’è poco da fare.

Come è vero che il Partito Democratico ha chiesto e ottenuto il ricorso al voto segreto in aula. All’inizio ho pensato che si trattasse di uno di quei rari barlumi di acume politico e trasparenza, nonché di onestà intellettuale che ogni tanto attraversano anche le menti dell’opposizione più inutile d’Europa (è un po’ quello che accade con i fulmini, cadono dove vogliono…), chiedere il voto segreto per costringere i nemici interni di Berlusconi a venire fuori e dimostrare che la maggioranza non ha i numeri in parlamento perché al suo interno c’è gente che rema contro.

Un boomerang implacabile, che ha avuto il solo effetto di evidenziare che, invece, i franchi tiratori erano proprio nel PD e, più in generale, nell’opposizione (quindi, teoricamente e non solo teoricamente, anche nella stessa Italia dei Valori). Ed erano 21, mica pizza e fichi!

21 deputati che hanno tradito il loro mandato di opposizione per votare assieme al governo il diritto di farsi i sacrosanti cazzi propri senza che nessuno possa intervenire se si sta commettendo un reato.

Non che avessimo bisogno di questo dato per capire che il principale alleato di Berlusconi è il Partito Democratico, ma se c’era ancora un minimo dubbio ora ce lo siamo tolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.