Fiuggi: per chi ha fegato!

Se qualcuno non l’avesse ancora capito, Ciarrapico è un uomo che non rinnega niente del fascismo e che si riconosce, bontà sua, all’interno dei suoi “valori”.Lo ha detto lui stesso a “Repubblica” dopo essersi candidato nel PDL, così, se qualcuno aveva qualche dubbio sulla deriva della formazione di Berlusconi e compagnia cantante, adesso se lo può tranquillamente togliere.

Per quanto riguarda la vicenda giudiziaria di Ciarrapico:

a) è stato condannato a una pena definitiva passata in giudicato a tre anni di reclusione per i fatti della cosiddetta “casina Valadier”;
b) è condannato in via definitiva per finanziamento illecito ai partiti nel 2000
c) nel 1996 è condannato anche nel processo relativo al crack del Banco Ambrosiano di Roberto Calvi, in primo grado a 5 anni e mezzo di reclusione, ridotti in appello a 4 anni e mezzo. Successivamente gli sono stati condonati 4 anni, e ha dovuto scontare gli ultimi 6 mesi in “detenzione domiciliare” per motivi di salute. La condanna è stata confermata dalla Cassazione. Non ha mai risarcito i danni alle parti civili cambiando continuamente residenza.

Berlusconi gli ha solo fatto una lavata di capo per l’inopportunità delle dichiarazioni contenute nell’intervista a Repubblica e ha continuato a guardare verso il futuro con la sua fronte non più della gioventù, tanto le elezioni le ha già vinte.

54 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.