Finis

 
L’ultimo giorno di scuola non è per nulla una liberazione, anzi, è un gran rompimento di coglioni.

Coincide sempre col sabato, giorno che i più fortunati (o i più ruffiani) tra i docenti hanno libero e che qualcuno si deve ciucciare in pieno.

A me quest’anno è andata quasi bene, le prime quattro ore, con campanella del "Finis" alle 11,50.

L’ultimo giorno non ti passa mai. Ma non solo perché stai facendo il conto alla rovescia, e guardi i minuti che scorrono lenti nell’orologio del tuo immaginario (uh, se aveva ragione Bergson con quella storia del tempo interiore!) mentre "professore posso uscire?", "Va bene, esci" e mentre sul tavolo della sala insegnanti troneggia una scritta in cui si invitano i docenti a tenere gli alunni nelle rispettive aule con le porte chiuse.

Gli alunni hanno organizzato un tavolo da ping-pong rudimentale ma ingegnoso. 12 banchi, uno accanto all’altro e una rete vera da ping pong che sembra fatta apposta su misura. Alla lavagna una sorta di organigramma da campionato, con tanto di eliminatorie, rientri, semifinali, finali per il 3° e 4° posto, finalissima alla presenza del Re Juan Carlos, del presidente Pertini e del Cancelliere Helmut Schmidt.

Passa un’ora, ne passano due. Ma devono passarne altre due e dopo un po’ il ping-pong non sfagiola più.

Manca un registro di classe, l’ha preso non si sa chi e non si sa come. Che, voglio dire, sono delle ottime premesse per ritrovarlo.

Qualcuno in una classe accanto ha portato della musica stunz-stunz, di quelle che non sanno di niente e che a loro piacciono tanto, forse proprio perché non sanno di niente e allora possono riempirle di tutte le stronzate immaginabili. E ti chiedi se il bischero sei tu, che tieni i tuoi alunni a chiacchierare amabilmente in classe e ad evitare che un paio di alunne si stravacchino sui banchi addormentandosi, o se sono gli altri che acconsentono a questi riti orgiastici.

Poi suona la campanella e sei ufficialmente in vacanza e non te ne rendi conto. Le signore della segreteria ti dànno la mano come se dovessero congedarsi da te per sempre e tu da una parte ti gratti i coglioni, dall’altra pensi che tra scrutini, presenze obbligatorie agli esami di stato, collegi docenti finali, giugno te lo fai in vacanza a singhiozzo e avrai modo di vederle e rivederle, e poi arriva il 1° settembre e si ricominicia coi baci, gli abbracci e il défilé estivo delle colleghe abbronzate al collegio docenti.

"Salutai Precossi, salutai Garoffi, che mi annunziò la vincita alla sua ultima lotteria e mi diede un piccolo calcafogli di maiolica, rotto da un canto, dissi addio a tutti gli altri. Fu bello vedere il povero Nelli, come s’avviticchiò a Garrone, che non lo potevan più staccare. Tutti s’affollarono intorno a Garrone, e addio Garrone, addio, a rivederci, e lì a toccarlo, a stringerlo, a fargli festa, a quel bravo, santo ragazzo; e c’era suo padre tutto meravigliato, che guardava e sorrideva. Garrone fu l’ultimo che abbracciai, nella strada, e soffocai un singhiozzo contro il suo petto: egli mi baciò sulla fronte. Poi corsi da mio padre e da mia madre. Mio padre mi domandò: – Hai salutati tutti i tuoi compagni? – Dissi di sì. – Se c’è qualcuno a cui tu abbia fatto un torto, vagli a dire che ti perdoni e che lo dimentichi. C’è nessuno? – Nessuno, – risposi. – E allora addio! – disse mio padre, con la voce commossa, dando un ultimo sguardo alla scuola. E mia madre ripeté: – addio! – E io non potei dir nulla."

(da "Cuore" di Edmondo De Amicis)

"- Addio, mio buon maestro e compagni miei. Chissà se mai più vi rivedrò. – Ma tosto pensai: – Se non dovessimo più rivederci, speriamo che dipenda da voi.- E sgambettai allegro verso la campagna."

(da "Il libro Cuore -forse!-" di Federico Maria Sardelli

176 Views

Commenti

commenti

Un pensiero riguardo “Finis

  1. Maurizio Pistone

    Io finisco giovedì 11 giugno.

    Usciremo alle 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.