E’ morto Peter van Wood, l’alchimista di “Butta la chiave”

E’ morto Peter van Wood, astrologo e musicista di canzonette innocenti, di ritornelli orecchiabili e di chitarre elettriche jazz dalle dimensioni enormi e un po’ pacchiane perfino per gli anni 50.

Testi minimali come "Io penso sempre a te/mia cara Carolina" cantati con un accento inglese che non ha mai perso, secondo solo a Shell Shapiro, van Wood ci deliziò con canzoncine come "Hoi giocato tre numeri al lotto/venticinque sessanta trentotto", ma soprattutto con "Butta la chiave", una sorta di invito all’amata (che si chiamava Gelsomina) ad affacciarsi al balcone e a gettare la chiave del proprio cuore all’amato bene che aspettava sul portone con un "freddo da cani".

Era l’anti-Marinella, in cui il drudo si sarebbe stancato ben presto di aspettare la chiave per la fessura (evidente rimando di neanche tanto lontana matrice erotica) per non voler restare a congelare fuori.

Il povero Van Wood non è piàù qui a farci ridere con queste strofette semplici che ci divertivano e che, cantate oggi, non farebbero più ridere nessuno.

4 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.