Dieci iscritti nel registro degli indagati per la morte di Stefano Paternò

Reading Time: < 1 minute

Per la morte del militare Stefano Paternò risultano indagate una decina di persone.

L’atto dovuto è stato disposto dalla Procuratrice Capo Sabrina Gambino, assieme alla disposizione del sequestro delle confezioni del vaccino AstraZeneca del lotto ritirato dall’AIFA nella giornata di oggi. L’accusa, per tutti e 10 gli indagati, è di omicidio colposo. Risultano iscritti nel registro la catena di distribuzione del vaccino Astrazeneca, via via fino al personale sanitario dell’ospedale militare che ha provveduto all’inoculazione.

“Si tratta di un lotto che è stato commercializzato sia in Italia che in Europa. Stiamo indagando e purtroppo non è facile visti i numerosi soggetti coinvolti. Non dobbiamo creare allarmismo ma le nostre scelte sono dettate dalla tutela della salute pubblica” ha detto all’ agenzia Ansa la procuratrice Gambino.

E mi sembrano parole dettate soprattutto dalla saggezza. L’esame autoptico sulla salma della povera vittima si svolgerà nella giornata di venerdì prossimo.