Covid 19: loro non ci sono mai riusciti

Reading Time: 3 minutes

Questi contenuti sono completamente gratuiti.

Potete ringraziarmi (prego!), altrettanto gratuitamente, iscrivendovi al mio canale YouTube.

-----

Ed eccoci qui. Oggi solo 84700 casi di infezione e 63 decessi da covid.

Ma noi intanto siamo qui che giochiamo a racchettoni e che ci spalmiamo la crema solare al cocco sulla schiena appiccicaticcia di sabbia e sudore, che volete che ce ne importi?

Del resto siamo un popolo che si risveglia solo quando sono i mezzi militari a trasportare le bare di chi non ce l’ha fatta, per 63 morti che non ci rompano i coglioni, che abbiamo da giocare a boccette, indossare il bikini, i boxer ascellari e parlare del valore poetico dell’ultima di Jovanotti mentre stiamo a mollo nell’Adriatico ad altezza coscia (cioè in Albania). Ci abbiamo da curarci le vene varicose, noi, mica cazzi, stiamo a pensare al covid… E poi a un certo punto basta con questi terrorismi, che ci avvelenano lo Spritz delle 19, e l’apericena, che non sappiamo nemmeno cosa voglia dire né cosa sia, ma fa tanto figo.

Eppure c’è questa variante Omicron 5 che ci rompe le balle. Strano, eh?? Il virus reagisce. Perché non è un vigliacco, lui reagisce. A lui gli importa una veneratissima se noi ci siamo vaccinati con tre dosi di schifezze, se abbiamo assunto l’acqua benedetta, se siamo stati ligi ai protocolli. Lui reagisce.

Il consulente scientifico del Ministro della Salute, il professor Ricciardi ha dichiarato a Rai Radio 1 che occorre

“stare attenti perché questo virus cerca di eludere quelle che sono le nostre capacità di protezione. Questa variante purtroppo è contagiosissima”.

Cioè, la gente ha fatto tre dosi per potenziare le proprie capacità di protezione ma questa variante le elude. Siamo a posto, non c’è che dire.

E poi:

“Bisogna essere non preoccupati ma in allerta soprattutto in autunno perché, in questo momento, di fatto c’è un arresto delle vaccinazioni”

Già. E come mai? Il vaccino, l’acqua benedetta, la panacea di tutti i mali, lo scudo sanitario contro ogni infezione dal morbo, d’estate va in vacanza? Cos’è, la gente d’estate non se la merita la punturina? Lo scudo penale per i medici vaccinatori va in ferie anche lui? Tutti rimandati a settembre?

Prosegue Ricciardi:

“Quello che mi preoccupa è che siccome è venuta meno la struttura commissariale, ci saranno grandi differenze, più che difficoltà, tra le Regioni”

Come sarebbe a dire che “è venuta meno la struttura commissariale“? Le è preso un sintomo? Non c’è più? E’ andata a pigliarsi un’abbronzaturina anche lei? E che difficoltà ci sarebbero tra le Regioni? Io che vivo in Abruzzo (che è una regione italiana) quante possibilità ho di stecchire di covid rispetto a un abitante del Veneto, della Campania o della Sicilia?

Non si sa. E’ venuta meno la struttura commissariale. Con una variante definita “contagiosissima“.

Speranza, dal canto suo, afferma:

“Chi è contagiato deve rimanere a casa”

Ma davvero? Io invece pensavo che dovesse andarsene tranquillamente in giro ad impestare il prossimo, vedi giudizio human come spess’erra…

“I più fragili devono essere tutelati sempre, e la campagna di vaccinazione ripartirà con i richiami autunnali, coinvolgendo il più possibile i presidi territoriali – medici di famiglia e farmacie – e con la riapertura di alcuni grandi hub”

Richiami autunnali” significa evidentemente quarta dose. E significa, soprattutto, che la seduzione del booster è andata tranquillamente a farsi friggere. Non basta, non basta mai.

Non è più un’emergenza sanitaria, è un’emergenza politica. Perché se un Ministro della Salute pubblica, come ha pubblicato, un libro dal titolo inutilmente profetico di “Perché guariremo”, in cui si prefigura una nuova “egemonia della sinistra“, come se la salute dei cittadini fosse preda del potere di questa o quella parte politica, e quel libro viene ritirato dagli scaffali dopo due ore (anzi, in certi casi è rimasto direttamente imballato), qualche ragione ci sarà.

Perché non guariremo. Perché loro non ci sono mai riusciti.