Conversazioni in casa Di Stefano: sulla lettura di “Madame Bovary” di Flaubert

La mia Signora sta rileggendo Madame Bovary di Flaubert (peraltro nella pregevole edizione di Garzanti tradotta da Oreste del Buono).
Durante la sua rilettura si è avuta tale conversazione:

Rosa Paola Angela Mattioli in Di Stefano: "Ma come faceva Charles Bovary di non accorgersi di come stava la moglie, di quanto soffriva…?"
VDS: "Ma come faceva Charles Bovary a non accorgersi di che razza di tegame aveva sposato?"
Rosa Paola Angela Mattioli in Di Stefano: "Voi uomini siete tutti ugualmente insensibili!" (*)

(*)…o forse Emma Bovary era veramente un tegame, vai a sapere…

Commenti

commenti

Un pensiero riguardo “Conversazioni in casa Di Stefano: sulla lettura di “Madame Bovary” di Flaubert

  1. karin

    ahahahaahahahahahaha…davvero..sto morendo…anzi mi sto pisciando sotto di risate ahahahahahahahahahahahahh…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.