Confermata per Bruno Vespa la condanna al risarcimento in sede civile per diffamazione

Da it.wikipedia.org - Foto di Jacopo Werther - È permesso copiare, distribuire e/o modificare questo documento in base ai termini della GNU Free Documentation License, Versione 1.2 o successive pubblicata dalla Free Software Foundation; senza alcuna sezione non modificabile, senza testo di copertina e senza testo di quarta di copertina. Una copia della licenza è inclusa nella sezione intitolata Testo della GNU Free Documentation License.

Dunque anche per Bruno Vespa è arrivato il secondo grado di giudizio (ma solo in sede civile) che ha confermato la condanna al risarcimento inflitta per diffamazione nei confronti dei familiari della Contessa Alberica Filo della Torre.

I fatti risalgono al 14 febbraio 2002, durante una trasmissione di “Porta a Porta” in cui si erano congetturate circostanze (ritenute inesistenti dai giudici) di relazioni extraconiugali, usura, fondi neri, depistaggi e quant’altro.

Con Bruno Vespa è stata condannata anche la giornalista Valentina Finetti.

Sono passati oltre dieci anni da quell’episodio e la Cassazione non si è ancora pronunciata definitivamente.

Porta a porta”, invece, va in onda ancora.  Ininterrottamente.

 

98 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.