Celentano, “Avvenire”, “Famiglia Cristiana” e il nulla

Celentano non ha detto nulla di che, è inutile che al risveglio ce la vengano a menare con questi falsi scandalismi, per cui avrebbe offeso “Avvenire” e “Famiglia Cristiana”, dicendo che andrebbero chiusi, il primo dei quali gli risponde pure che con quei soldi che prende Celentano si manterrebbero le sedi RAI nei Paesi africani e del Sud America per un anno, e c’è solo di che meravigliarsene.

Oddio, “Famiglia Cristiana” è stato il primo giornale dell’opposizione a Berlusconi, e bisogna dargliene atto.

Ma l’intervento di Celentano non sarebbe degno nemmeno di essere enumerato tra le cose vagamente discutibili. Il guaio è che ci stiamo svegliando in piena settimana Sanremo -speriamo che finisca presto!!- e allora qualunque cosettina da nulla assurge agli onori delle cronache, perfino il ricoverso in ospedale di una valletta dal nome che sembra un codice fiscale e che nessuno conosceva prima, e di cui, con ogni probabilità, nessuno parlerà dopo, come succede ed è successo a tante cose di Sanremo (vi ricordate Mino Vergnaghi? Gilda Giuliani?? Tiziana Rivale??? Che fine hanno fatto?).

Celentano non ha offeso nessuno. Non ha detto nulla di che, la qual cosa, a vederla bene, è anche peggiore. Non trovo nel suo intervento un soffio di originalità. Dio. La fede. La fede e Dio…
Ma per la miseria, c’è anche chi non crede. E giù Dio, Dio ci parla, Dio ci vede, Dio ci da un messaggio, i malati terminali, i progetti di Dio, le promesse di Dio, la cancellazione dei vagoni letto, dove ho messo il bicchiere…

Un po’ di rispetto e di silenzio, per cortesia. Magari anche solo per i malati terminali. No??

114 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.