Categoria: Giornalismi

Giornalisti e giornalismi

Reading Time: 2 minutes Ci sono giornalisti e giornalismi. E le due voci devono essere tenute ben separate. Il giornalismo è un’attività nobile, soprattutto quando si occupa di denuncia, di fare le pulci ai tanti poteri costituiti, quando descrive e porta a conoscenza di tutti documenti, fatti, testimonianze. I giornalisti, quelli, purtroppo, sono fallibili

Continua a leggere

L’informativa sulla privacy di certastampa.it

Reading Time: 2 minutes Per la mia estrema puntigliosità, nonché per il gusto di una sana curiosità “investigativa”, sono andato a leggermi l’informativa sulla privacy del sito certastampa.it, quello che raccoglie gli editoriali di un certo Adamo. Ce n’è di che riflettere assai. Prima di tutto, ecco il link al testo integrale, “fotografato” questa

Continua a leggere

Certa stampa teramana: e Adamo conobbe Eva

Reading Time: 6 minutes Certa stampa, non c’è niente da fare, non si accontenta di vivere le proprie contraddizioni per conto proprio. Non è soddisfatta finché non le butta addosso a qualun altro. “Sempre accusando, sempre cercando/il responsabile, non certo io”, avrebbe detto il Poeta in un componimento dal titolo eloquente. Dopo la pubblicazione

Continua a leggere

Luigi Mastrodonato su Wired.it

Reading Time: 4 minutes Leggo, non senza una punta di apprensione e disappunto, un articolo di Luigi Mastrodonato del 12 marzo scorso du Wired.it. Lo trovate qui: https://www.wired.it/amp/301265/attualita/ambiente/2021/03/12/giornalismo-italia-astrazeneca-vaccino/ o, in copia permanente, qui: http://archive.today/ytax6 Il titolo dell’articolo è: Sul caso AstraZeneca il giornalismo italiano ha scelto di non fare informazione. Un po’ categorico, ma

Continua a leggere

Rossana Rossanda: memoria di una ragazza perbene

Reading Time: < 1 minute Oggi diciamo addio a Rossana Rossanda, fondatrice del quotidiano “il Manifesto”. A prescidere dalla condivisione o meno delle sue idee, le dobbiamo affetto e gratidudine per la creazione di una voce alternativa ai quotidiani tradizionali, per il suo senso critico e la sua altissima dignità morale. Mai come oggi avremmo

Continua a leggere