Categoria: Anni 70

E ci manchi tanto

Reading Time: < 1 minute Paolo Morelli è stato uno dei pochi a fare musica senza uscire dal pentagramma che lui stesso si era costruito intorno. Così, assieme agli “Alunni del Sole”, riuscì a fuggire da un facile romanticismo di facciata per crearne uno più vero e solido, contorniato da una musica siil-classica d’occasione, ma

Continua a leggere

Gli occhiali a raggi X degli anni ’70 (per vedere attraverso i vestiti!)

Reading Time: 2 minutes Negli anni 70, su giornaletti pseudo-adolescenziali come i mai abbastanza rimpianti “il Monello” e “l’Intrepido”, compariva la pubblicità di alcune ditte (una, soprattutto, la Same-Govi o Same-Govj, come si sarebbe chiamata più tardi per un adattamento ortografico) che vendevano oggetti che suscitavano la curiosità del pubblico ma sulla cui reale

Continua a leggere

Le cassette audio

Reading Time: < 1 minute …e le cassette, quelle musicali, quelle degli anni ’70 (anche negli ’80 andavano molto di moda, ma cominciarono ad essere un supporto analogico ormai destinato ad andare lentamente a finire verso l’oblio…), quelle che le mettevi nel mangianastri della macchina, che si chiamava mangianastri perché quando le tiravi fuori ti

Continua a leggere

Gli Abba contro la destra danese: “Non usate la nostra musica a scopi politici!”

Reading Time: < 1 minute Dopo Famiglia Cristiana, uno dei baluardi della resistenza democratica in Europa sono gli Abba. Gli Abba, gruppo musicale svedese che si fece conoscere all’Eurofestival del 1974 con "Waterloo" (no, non l’ho guardato su Wikipedia, me lo ricordo, perché io davanti alla teolevisione c’ero, posso sbagliarmi di un anno ma siamo

Continua a leggere

La musicassetta

Reading Time: 2 minutes La musicassetta era un oggetto di culto. Eppure l’hanno messa fuori produzione solo due o tre anni fa e ci sembra già  preistoria. La musicassetta era, soprattutto, la C-60 (mai capito cosa ci stesse a fare quel "C-" e credo lo abbiano capito in pochissimi) o, per quelli che volevano

Continua a leggere

La piccola anima di Alice

Reading Time: < 1 minute Alice era, semplicemente, bellissima.Aveva una voce leggermente nasale, piena, tendente un po’ al maschile senza che la cosa disturbasse troppo.Ha cantato varie canzoni di Battiato, con il quale ha inciso una indimenticabile versione de "I treni di Tozeur", partecipando a un Eurofestival (1984, credo…), versione così indimenticabile che non la

Continua a leggere

La linea di Osvaldo Cavandoli

Reading Time: < 1 minute La linea era un cartone straordinario.Pochissimi elementi, una linea bianca che tracciava la sagoma di un omino simpatico, un po’ sfrontato, certamente sfottente quel tanto che basta.Osvaldo Cavandoli era il suo papà. Il cartone ebbe un successo straordinario come testimonial della Lagostina (“Lui cerca lallallàlla…” canicchiato sull’aria di “Io cerco

Continua a leggere

Santo & Johnny

Reading Time: < 1 minute Santo & Johnny erano i fratelli Santo e Johnny Farina da Broccolino (Brooklyn). Per l’Italietta che pensava che Brooklyn fosse la Gomma del Ponte, una nota marca di chewing-gum (made in Perfetti) andavano più che bene. In Italia ebbero un successo strepitoso interpretando alla chitarra hawaiana il tema conduttore del

Continua a leggere

Gli Alunni del Sole

Reading Time: < 1 minute Di quei gruppi canterini un po’ nostalgici, romantici e con i colletti delle camicie regolarmente a punta, gli Alunni del Sole (nome mutuato da un romanzo di Giuseppe Marotta) sono stati certamente i più bravi. Certo, sviolinate con orchestre che neanche i Wiener Philarmoniker ("Concerto/di un mare senza te/che suona/

Continua a leggere

I miniassegni

Reading Time: < 1 minute "No, guardi, i miniassegni proprio non li accettiamo…""Sì, me li dia pure, tanto li porto in banca e li cambio…""Mi dispiace ma la mia banca non me li cambia più…""Quelli del Credito italiano non sono buoni!""Se non vuole un miniassegno di resto devo darle due Boeri, magari vince l’orologio al

Continua a leggere

Ti chiamo dopo…

Reading Time: < 1 minute “Non ho più gettoni…”“Mi cambierebbe mille lire per cinque gettoni?”“Non mi ha restituito il gettone!”“I gettoni stanno andando giù che è una bellezza…”“Sono entrato in una cabina, ho premuto il tasto della restituzione gettoni e sono diventato ricco…”Tutte frasi che grazie ai telefonini abbiamo imparato a non dire più…

Continua a leggere