Caso solocase.cloud: come è andata a finire (o quasi)

Reading Time: 2 minutes

 122 total views,  1 views today

Vi ricordete che nel luglio scorso presentai formale querela alla Magistratura nei confronti degli ignoti responsabili del sito solocase.cloud, per violazione del diritto d’autore, per aver ripubblicato i post del mio blog su un sito di promozione finanziaria, senza chiedermene il permesso e, quindi, senza averlo ottenuto.

Adesso ci sono degli sviluppi di questa vicenda e ve ne do volentieri conto.

Il sostituto Procuratore della Repubblica di Teramo, Dott. Stefano Giovagnoni, mi ha oggi avvisato, per cortese tramite del mio legale di fiducia, Dott. Laura Avolio, della richiesta di archiviazione che ha intenzione di proporre al Giudice per le Indagini Preliminari, con la seguente motivazione: “Esaminati gli atti e ritenuto che non sono emersi elementi utili per l’identificazione dei responsabili del reato per cui si procede e comunque per l’ulteriore prosecuzione delle indagini preliminari”.

Questi i fatti e i documenti. Adesso vengono le considerazioni personali:

– a seguito della querela sono state svolte con diligenza e rigore delle apposite indagini (il reato di violazione del diritto d’autore è perseguibile d’ufficio);

– sussiste un REATO, da cui consegue che io ho subito un danno;

– a seguito delle indagini della Polizia Postale, è stato identificato l’intestatario del sito in questione, che viene gestito in hosting da Aruba. Non posso farvelo, ovviamente. Ma io so chi è e che si tratta di un cittadino francese. Almeno questo posso dirvelo.

E’ una magra soddisfazione, certo, avrei preferito che si arrivasse ad un regolare processo, ma non si può ottenere tutto dalla vita, figuriamoci dalla giustiza, che è cosa fallibile di questo mondo umano. Pare non si possa perseguire un cittadino residente all’estero, ma i server, quelli attraverso i quali sarebbe stato perpetrato il reato, si trovano nel territorio nazionale.

Insomma, qualche dubbio mi è rimasto, e proprio in virtù di questi dubbi sto meditando se proporre opposizione. Con la prospettiva che la mia opposizione venga facilmente rigettata, ma con la consolazione di non aver lasciato nulla di intentato.

Vi informerò. A tempo debito, ma vi informerò.