Alitalia: Berlusconi ed Epifani salvano la compagnia di bandiera. Rossa.

E così la CGIL si è calata le braghe davanti al Governo di Berlusconi e ha accettato 3250 esuberi senza battere minimamente ciglio.

Adesso c’è solo da vedere chi, tra Epifani e Berlusconi, falsi burattinai di un vero gioco politico al massacro, si prenderà il merito di avere salvato l’azienda e di avere avuto la responsabilità di mandare a casa la gente che lavora.

La cordata di Berlusconi non era certo quella dei suoi figli, come ha voluto darci ad intendere fin dal primo momento, e la soluzione dei sindacati della Triplice è stata, come sempre, quella del male minore, quella di farsi infinocchiare ma con un occhio di riguardo, così chi guarda, anche se ci vede, non lo saprà mai.

E qualcuno avrà ancora il coraggio di chiamarla "compagnia di bandiera".

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.