Alessandro Iacuelli – Kirghizistan tra Oriente ed Occidente

Altre avvisaglie di rivolgimenti nella piccola ma strategica repubblica asiatica del Kirghizistan. Un gruppo di politici coinvolti nella "Rivoluzione dei Tulipani", che ha portato l’attuale governo al potere, sta premendo verso alcune fondamentali riforme nel Paese, asserendo che dal cambio di regime in poi non è poi cambiato molto.
Per comprendere meglio quanto sta succedendo, occorre fare un piccolo passo indietro nel tempo, fino al marzo 2005 ed alle elezioni che confermano la Presidenza di Askar Akayev, già vincitore delle elezioni nel 1991, 1995, e 2000.
Pochi giorni dopo, spinta dall’opposizione che accusa il governo di brogli elettorali, la "Rivoluzione dei Tulipani" rovescia il governo e costringe il Presidente a fuggire a Mosca, dove è accolto da Putin e riceve asilo politico.

Akayev, di estrazione culturale sovietica, già a capo del soviet supremo del Kirghizistan prima della caduta dell’URSS, viene ricordato come una figura molto ambigua nel panorama politico; dotato di un forte "spirito di conversione" post-sovietico, si è dimostrato un riformatore in senso neoliberista: ha ristrutturato l’apparato esecutivo per adattarlo al proprio liberismo politico ed economico ed ha intrapreso riforme che sono considerate le più radicali e di tipo occidentale tra tutte le repubbliche dell’Asia centrale.

Dal 2001, Akayev assume posizioni decisamente filoamericane, nonostante la maggioranza della popolazione sia musulmana sunnita. A seguito di tale politica, il Kirghizistan ha dato appoggio logistico all’aggressione militare contro il vicino Afghanistan e, nel 2002, ha permesso la costruzione di una grande base aerea statunitense nei pressi della capitale Bishkek.
E’ bene poi sottolineare come questo paese povero, desertico, montagnoso, con un tenore di vita bassissimo, sia strategicamente fondamentale per tutto l’assetto della regione asiatica, essendo in un’area di forte influenza russa, ma confinante sia con l’Afghanistan sia con la Cina.

E proprio in questa direzione guarda il rivolgimento istituzionale del 2005 destinato a cambiare il quadro delle alleanze internazionali. Rivolgimento che è spinto da tutte le forze politiche: partiti filo americani, islamici e indipendenti portano al comando del Paese Kurmanbek Bakiyev e Felix Kulov, quest ultimo liberato da una lunga detenzione proprio in occasione della deposizione di Akayev.
Non appena eletto, Bakiyev dichiara che "occorre riconsiderare la presenza delle basi americane sul territorio nazionale", asserendo che possono essere smobilitate in quanto la situazione nella regione è sotto controllo.
A seguito della lunga serie di "rivoluzioni" nelle repubbliche dell’area dell’ex-URSS, in meno di due anni gli USA, con la motivazione del supporto alle operazioni militari in Afghanistan, hanno collocato tra Kazakhistan, Kirgizistan, Turkmenistan e Tajikistan circa 100.000 militari, con mezzi terrestri ed aerei, a ridosso della Russia, ed al confine con la Cina.
In seguito alla visita di Donald Rumsfeld a Bishkek ed a tutte le basi americane nella zona, avvenuta durante la scorsa estate, Bakiyev, senza temere eventuali reazioni da parte americana, ha anche aderito allo SCO (Shanghai Cooperation Organization), aderendo alla nascente politica di scambi economici, ma anche militare, tra Russia e Cina.

Alla fine di settembre 2005, il governo pretende ed ottiene le dimissioni di sei ministri, accusati di non essere allineati con la nuova politica filo asiatica del presidente. Questo cambio al vertice ha essenzialmente liquidato tutti gli esponenti del movimento di marzo aventi posizioni filo occidentali in generale e filo americane in particolare, al prezzo di un indebolimento del consenso popolare.
Il 24 dicembre nella capitale Bishkek ha avuto luogo un’assemblea (kurultai) nazionale, fortemente voluta da Azimbek Beknazarov e Roza Otunbaeva, tra i promotori della rivolta che portò alla rivoluzione.
Beknazarov infatti ha avuto incarichi nel nuovo governo ed ha sostenuto azioni di allontanamento dalla sfera pubblica di esponenti dell’era fedele ad Akayev, sospettati di corruzione. Nel settembre scorso poi ha abbandonato ogni incarico.
Otunbaeva, ex ambasciatrice, ha ricoperto l’incarico di ministro degli esteri, incarico poi revocato dal Parlamento alla fine di settembre.
I due sono sono alla testa di un movimento politico chiamato semplicemente "Kyrgyzstan", che raccoglie il favore di alcuni partiti d’opposizione, ma anche personalità di spicco della società civile.
I partecipanti all’assemblea, circa 300 persone tra cui alcuni parlamentari, hanno manifestato insoddisfazione verso i cambiamenti avvenuti dopo la rivoluzione, al punto in cui per molti quella di marzo è stata solo la prima fase di una "rivoluzione da continuare".
Intervistato sull’argomento, Beknazarov ha dichiarato: "Abbiamo commesso degli errori, e la rivoluzione non è terminata. L’errore principale è stato l’intraprendere la strada legale delle riforme, basandoci sulla legalità del vecchio regime, invece di creare un governo provvisorio ed una commissione rivoluzionaria".
Al termine dell’incontro, i partecipanti hanno votato all’unanimità alcune risoluzioni che mirano a promuovere un referendum per il prossimo febbraio riguardante la struttura stessa dello Stato, ad interrogare il governo circa i progressi compiuti fino ad ora, per l’allontanamento delle persone che hanno lavorato per il governo di Akayev, per un congelamento della legge che permette la vendita dei beni appartenuti alla famiglia Akayev.
Queste le cose dette alla stampa dalla nuova opposizione.

Dall’altro lato, gli esponenti del governo, lasciando intendere tra le righe che dietro il movimento di Beknazarov e Otunbaeva potrebbe esserci l’azione di una mai nominata "potenza straniera", rigettano le accuse. Come ricorda Bolot Januzakov, "chi non ha lavorato con il regime di Akayev? Certo, noi non lavoravamo per Akayev, ma sotto di lui! Espellere tutti coloro che hanno lavorato sotto quel regime, significa espellere tutti".
La questione che resta aperta è cosa i neo-rivoluzionari potranno fare per cambiare il corso politico del Kirghizistan. Molto probabilmente, il terreno di confronto sarà sul referendum di febbraio ma anche sull’altro referendum, per l’approvazione della nuova Costituzione, che il governo ha intenzione di svolgere entro la fine del 2006.

Le posizioni dei due schieramenti iniziano ad essere chiare: da un lato il governo che vorrebbe entrare a far parte definitivamente dello SCO e quindi entrare nel nuovo blocco asiatico russo-cinese, dall’altro c’è l’opposizione, che vorrebbe un Kirghizistan più occidentalizzato. Il tutto si gioca sul terreno della zona cuscinetto tra mondo arabo, Russia e Cina, sotto gli occhi vigili degli USA.

da www.altrenotizie.org

40 Views

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.