Alberto Stasi assolto anche in appello: l’immagine del “mostro” si sgretola

E così per Alberto Stasi è arrivata la seconda assoluzione, stavolta davanti a una Corte d’Assise d’Appello che ha confermato la sentenza di primo grado. L’avvocato Giarda, difensore di Stasi, ha ricordato che il suo assistito "è stato assolto per non aver commesso il fatto".

Si tratta, qunque, della seconda e ultima sentenza di merito. Un eventuale pronunciamento della Cassazione interverrebbe solo su aspetti procedurali. Certo, è ancora tecnicamente possibile che la sentenza venga ribaltata, ma la vedo dura, considerato che i giudizi si sono svolti col rito abbreviato, e cioè con il congelamento delle carte, senza testimoni, interrogatori, controinterrogatori, rito abbreviato a cui la pubblica accusa non pare, evidentemente, essersi opposta.

C’è un indubbio imbarazzo nel dare questa notizia.

E se Stasi fosse davvero innocente? E se una sentenza definitiva passata in giudicato lo facesse uscire per sempre di scena, se questo biondino che guardava materiale pornografico al computer o lavorava alla tesi di laurea mentre la fidanzata moriva fosse veramente il capro espiatorio, il colpevole designato e predestinato, il soggetto su cui la procura si è intestardita senza, evidentemente, riuscire a convincere due giudici terzi ed imparziali, se tutto il fango che gli è stato gettato addosso fino ad ora si rivelasse veramente fango, se fosse vero che è ininfluente il fatto che abbia chiamato il 113 e abbia riferito freddamente e senza emozioni la morte della sua fidanzata, allora si dovrebbe accettare il fatto che una verità va dimostrata in un’aula di giustizia, non corroborata da sospetti, illazioni, insinuazioni, antipatie e malocchi.

E se Stasi fosse il mostro creato e non colpevole? Se davvero si dimostrasse che c’è stato bisogno di UN colpevole e non DEL colpevole?

Inventarsi un Leviatano è facile. Ma facciano il favore di non farlo in nome del popolo italiano.
42 Views

Commenti

commenti

Un pensiero riguardo “Alberto Stasi assolto anche in appello: l’immagine del “mostro” si sgretola

  1. Single a trent'anni

    Su facebook ho una amica (iponeuronica) che si lamenta “eh, vedrai chiarapoggi s’è ammazzata da sola”.

    Dico io, ma come si fa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.