Pescara: la beffa della bocciatura della mozione di solidarietà nei confronti di un giovane gay malmenato in centro

Reading Time: 2 minutes

A Pescara hanno pestato malamente un giovane, fracassandogli la mascella e costringendolo a un mese di prognosi, probabilmente con ricovero prolungato in ospedale. la sua colpa è stata soltanto quella di camminare, nel centro della città, mano nella mano con il suo compagno. Il giovane è gay. E’ per questo che è stato malmenato, mazzuolato di botte, maltrattato e insultato da quella che alcune fonti pensano sia una baby-gang. Minorenni che cominciano bene, evidentemente. Se ne stanno occupando le indagini, e, come sempre si dice in questi casi, spetta alla magistratura individuare i colpevoli materiali, mandarli a processo e ai giudici punirli secondo le leggi che regolano il processeo penale a carico dei minorenni. Insomma, che si applichi la legge.

Dove invece la legge NON si applica è sulla decisione del consiglio comunale di Pescara, che ha respinto una mozione dell’opposizione che esprimeva solidarietà al ragazzo malamente pestato lo scorso 27 giugno. Ci sono stati 10 voti favorevoli e 11 contrari. Per un punto Martin perse la cappa, come si suol dire. 7 leghisti, 3 rappresentanti di Forza Italia e 1 consigliere di Fratelli d’Italia hanno così respinto l’ipotesi della solidarietà, alla faccia della solidarietà che dovrebbe superare ogni barriera politica. Il consiglio comunale, respingendo la mozione dell’opposizione, ha altresì rifiutato l’ipotesi di costituirsi parte civile nel costituendo processo contro i colpevoli che stanno per essere identificati.
Continua a leggere

Mezzo chilo di pasta per sei persone (?)

Reading Time: < 1 minute

In uno dei suoi vecchi spettacoli, Beppe Grillo, quando era ancora vivo, era solito dire “Io sono di Genova, a me non me lo metti in quel posto lì, io ti conto i peli del culo uno a uno!” Che è un po’ quello che faccio io, che, pure, di Genova non sono, ma che ho comunque quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così, e che mi sento un po’ pur parente di quelle gente che c’è là che come noi è forse un po’ selvatica.

Compro un pacco di pasta al discount (Penny Market) e sulla confezione da 500 grammi trovo scritto che è bastevole per sei persone. Cioè, sei persone mangiano 500 grammi di pasta? Ma sono poco più di 80 grammi a testa! Che ci fa uno con 80 grammi di pasta? Nulla. La mi’ nonna Angiolina mi diceva che per una persona ce ne vogliono almeno 100. Se non di più. Io che la mattina mi sveglio con una pentola di minestrone, cosa ci faccio con 80 grammi di pasta a pranzo? Mi ci devo aggiungere perlomeno una bistecca. 80 grammi di spaghettino aglio e olio ti dànno la sensazione scarsamente bastevole di un antipastino amuse-bouche, come dicono quelli che di cucina se ne intendono.
Continua a leggere

La garanzia supplementare di due anni al masterizzatore esterno che è prevista per legge

Reading Time: < 1 minute

Come vi dicevo, provate a cercare un posto su Fazio (il mio nuovo computer) in cui infilare i CD-ROM e i DVD! Non c’è. Provate anche ad accedre al vano della batteria. Macché, non c’è verso. Per il primo problema non ho avuto dubbi, ho ordinato (santa Amazon!) subito un lettore e masterizzatore di DVD e di CD esterno. Nessuna paura, solo 17 euro e spiccoli.

La cosa che mi ha stupito è che per soli ulteriori tre euro e rotti mi hanno offerto una “estensione” della garanzia a 2 anni, per guasti, malfunzionamenti, disgrazie assortite.

Non è un problema di denaro, evidentemente tre euro non mi cambiano la vita. Il problema è di legge. Se io compro un apparecchio (presso un negozio, o un fornitore on line), chi me lo vende (fa fede lo scontrino fiscale) è responsabile del buon funzionamento dell’accrocchio per 2 anni. Se ho dei problemi posso restituirlo, farlo riparare e, se non è possibile, sotituirlo con una carabàttola che abbia le stesse caratteristiche e lo stesso valore (o valore superiore). Così funziona. Perché devo pagare qualcosa che mi viene già garantito? Non si sa.

Quello che si sa è che la descrizione dell’apparecchio (rigorosamente Made in China) è tradotta con una di quelle diavolerie di traduzione automatica (probabilmente da un originale francese) e non ci si capisce quasi nulla. Mah, basta che funzioni…

Minisondaggio: come si vede il blog dal vostro smartphone?

Reading Time: < 1 minute

C’è un problema.

Alcuni di voi mi hanno segnalato che sullo smartphone (l’iPhone non lo cito nemmeno, ché nojaltri di Linux coi <macchisti nenche ci parliamo) si vede il sito normale anciché la versione dedicata che vi avevo preannunciato alcuni giorni fa.

Potrebbe essere un problema di browser (quello che voi usate, per intenderci), oppure potrebbe esserci qualcosa che non va lato server. Per il momento mi accontenterei di sapere come visualizzate voi i siti del blog e di classicistranieri.com. Mandatemi un commento a questo articolo, una mail, un WhatsApp, un quelloche volete e un accidente che vi spacchi, ma fatemi sapere perché io possa prendere i dovuti provvedimenti. Comunicatemi cosa vedete e, soprattutto, che tipo di browser usate (Firefox, Chrome o quant’altro).

Vi sono eternamente debitore.