Storie di ordinaria informaticcia: benvenuto Fazio!

Reading Time: 3 minutes

Ed eccolo qui l’ultimo arrivato in casa (nella nuova casa, intendo) Di Stefano. Per il mio vizio di dare un nome ai computer, ho scelto di chiamare tutti i dispositivi che mi capitano tra le mani con nomi di poliziotti, investigatori, collaboratori, commissari e quant’altro. E’ logico che nomi come “Montalbano”, “Ricciardi” o “Schiavone” sono fin troppo abusati e intoccabili per la loro sacralità. Così mi accontento di aver chiamato il mio primo PC portatile su cui installai Ubuntu “Catarella” (per via dell’informaticcia). Adesso, poverino, lo dovrò rottamare. Funziona ancora, ma ci ho installato una versione di LUbuntu (la distribuzione Linux per computer vecchissimi) a 32 bit, non c’è stato verso, è troppo pesante anche quella per il povero Catarella personalmente di persona, sissignòri.

Nemmeno tanto tempo fa cambiai Catarella con un PC su cui installai Linux Mint (e mi ci trovavo tanto, ma tanto bene!), ovviamente accanto a Windows. Lo chiamai Maione perché era il nome dell’assistente del commissario Ricciardi, vista anche la sua mole fisica, che corrisponde (corrispondeva) all’aumento considerevole delle risorse dell’apparecchio. Poi Maione cominciò a scollarsi. Le parti dello schermo (quelle cornici di plastica che lo reggevano) cominciarono a cedere e non si chiudeva più. Vari circuiti erano “a vista” e per usarlo dovevo stare attento che non mi si rompessero i perni che lo reggevano. Insomma, per dirla alla livornese, stava ritto colle ‘àccole! Ho provato ad aggiustarlo con l’Attak ma è stato peggio el tacòn del buso. Non solo le parti scollate non si sono riattaccate (tranne pochissime cosette) ma l’Attack è evaporato e mi ha imbiancato una parte dello schermo. Insomma, un troiaio indicibile (ancorché tuttavia utilizzabile, sia pure con cautela). E sicché addio Maione.

Ora ciò questo coso qui. Non ho ancora installato Linux perché mi dà un errore che non riesco a bypassare (mi sembra di sentir or ora l’amena voce del caro lettore Baluganti Ampelio dirmi “tanto sei poìno duro!”). Ma intanto mi sono preso tre giorni per scegliere il nome. Alla fine ho deciso: Fazio. Come il padre e il figlio che aiutano Montalbano nel suo lavoro da giovane e da maturo, quelli con la fissazione dei dati anagrafici. Mi sembra un bel nome, breve e adatto alle funzioni di ricordo che dovrà fare il Terabyte di hard disk interno che riempirò con calma.

Ma c’è una cosa che mi inquieta. Provate un po’ a trovare uno straccio di lettore DVD, masterizzatore o quant’altro. Non c’è, non li montano più. Esattamente come ora fanno i telefonini senza la possibilità di accedere al vano batteria (per cui se la batteria ti si sputtana, o esaurisce il suo ciclo vita semplicemente bitti via il telefonino – e dire che ho risuscitato un Nokia 3410 solo ritrovando la batteria corrispondente! -) ora non trovi più un PC con un lettore CD-DVD, masterizzatore incormporato. Vuoi guardarti un film, vuoi salvare dei dati? Vuoi creare (legalmente, come faccio io) un CD dai dischi scaricati da Magnatune.com (di cui sono socio a vita)? Non puoi farlo. O, meglio, puoi farlo, ti compri un masterizzatorino esterno, su Amazon ne ho trovato uno a appena 18 eurini, e se penso che il mio primo masterizzatore a velocità 2x mi è costato 800.000 lire di allora mi viene freddo. Ho da utilizzare degli archivi su Cd-ROM e su DVD, non posso prescindere da questo. Ieri ho comprato la rivista Linux PRO (ho anche sottoscritto un abbonamento, così, tanto per aiutarli), e da questo numero non dànno più il CD allegato. Costa lavoro, tempi di distribuzione. E poi quando lo butti via (tanto prima o poi invecchia!) inquina e non rispetta l’ambiente. Tutta robaccia indifferenziata, e parecchia plastica e carta da buttare. Meglio tenere on line l’immagine ISO così uno se la scarica (avercela una connessione internet illimitata!!) e ci fa quello che gli pare.

Così va il mondo, caro Fazio. Il CD e il DVD sono roba vetusta. Poco importa se puoi ancora ascoltarci un po’ di musica, o lavorarci su programmi che hai regolarmente comprato e di cui sei il liegittimo possessore in versione originale. Vocabolari, repetori, libri di testo, allegati. Tutto in malora! E’ l’informaticcia, bellezza.

Storie di ordinaria telefonia 2 – Padri di famiglia

Reading Time: < 1 minuteNelle mie recentissime telefonate ai vari gestori telefonici nel vano tentativo di risolvere, o, quanto meno, di mettere una pezza alla mia zoppicante connessione internet, mi sono imbattuto in un addetto al call center di un provider di telefonia mobile che mi rispondeva dalla Romania. E’ stato moltto gentile (come tutti gli addetti che ti rispondono da un paese che non sia l’Italia, evidentemente), ha risolto il mio problema in cinque minuti (il problema era che avevo buttato via una ricarica da 10 euro, perché la mia offerta era nel frattempo scaduta), che dovevo ricaricare di altri 15 euro (e sticazzi!), per avere 50 Gb. Ma che me ne avrebbe fatti avere 100, vista la singolarità del caso. Mi è costato caro un traffico da 100 Gb., considerato che su un altro gestore ho trovato un’offerta di 150 Gb. a 12,99, poco più della metà e con un tempo più lungo per poterne usufruire.

Ma ormai è fatta, e ringrazio l’ignoto interlocutore rumeno per avermi fatto da Cicerone in questo dedalo di offerte. Alla fine della telefonata mi ha detto: “a breve riceverà una chiamata per chiederle se è stato soddisfatto del nostro servizio. Mi raccomando, mi dia un feedback positivo, ho moglie e figli, ho bisogno di lavorare”. Gli ho risposto che lo avrei fatto senz’altro, e con molto piacere. Invece subito dopo sono andato a fare la spesa. Il gestore telefonico ha telefonato tre volte per chiedermi se ero soddisfatto. Ma io non ho potuto rispondere.

Mi sono asciugato una lacrima furtiva per quel poveraccio padre di famiglia e mi sono sentito una merda.

Storie di ordinaria telefonia 1 – Non mi fanno accedere all’FTP

Reading Time: 3 minutesDunque, io ho bisogno di una connessione internet illimitata, va bene? Per affrontare l’emergenza delle lezioni on line e delle riunioni da fare in diretta in questi ultimi due mesi in cui ho cambiato residenza, mi potevano bastare i 50-60 Gb al mese che mi offriva uno dei miei gestori telefonici (sì, ne ho almeno due o tre, a seconda delle offerte che mi fanno, tanto sono tutti uguali). Ora non più. O, meglio, possono bastarmi ancora, ma almeno fino alla fine di agosto. Da settembre si cambia. Da settembre ci saranno lezioni on line tutti i giorni, mischiate con le lezioni in presenza (chi ci ha capito qualcosa nelle esternazioni del Ministro Azzolina sulle direttive da rispettare al rientro alzi la mano, così ce lo spiega), ci sarà da collegarsi parecchio, ma parecchio proprio, e 50-60 Gb. al mese potrebbero non bastarmi più.

Allora mi sono tuffato nel maremagnum delle offerte e ne ho trovata una che mi interessava. Era un’offerta che prevedeva solo la connessione dati e non anche l’installazione di una linea fissa, che non mi interessa (ho un delizioso numero di cellulare, ed è questo quello che hanno parenti ed amici, il numero di una linea fissa probabilmente non me lo ricorderei nemmeno a memoria). Ho contattato il provider, che è stato gentilissimo. Oltretutto ci tengono a spiegarti, quando gli telefoni, che i loro addetti alle risposte al customer care sono tutti regolarmente assunti dall’azienda (bravi!) e che rispondono dall’Italia (per me possono rispondere anche dal Brasile, basta che mi risolvano il problema). Comunque bravi, un bel biglietto da visita. Mi dicono che mi manderanno un modem speciale che dovrò installare, semplicemente attaccandolo alla rete elettrica (fin lì ci arrivo!). Lo pagherò con comodo in un paio di comodissime rate bimestrali, direttamente sulle bollette. Poi dovrò inserire, per navigare, una serie di codici (da quello fiscale a quello mandatomi dal provider stesso via SMS) e via si comincia a navigare. L’apparecchio, che sembra un bussolotto, di forma cilindrica, fa il suo dovere. La navigazione è abbastanza fluida e sembra funzionare bene.

Tranne per il protocollo FTP e per l’upload dei file. Cioè esattamente quelle cose che mi servono come il pane. Chiamo due volte il servizoo clienti e mi dicono (una addetta al servizoo tecnico lo ha fatto con sbrigativa arroganza, l’altro è stato decisamente più gentile) che dipende dagli orari, che loro non assicurano che questo tipo di connessione venga effettuato, che è un problema di ripartizione di banda, e la signora scortese mi dice anche “valuti lei!”. E certo che valuto io. E infatti dopo due ore avevo già inviato la PEC con l’esercizio del mio diritto di recesso entro i primi 14 giorni, come previsto dalla legge. Dicono che per il bussolotto mi daranno loro delle istruzioni per la restituzione gratuita (grazie! E’ a vostra disposizione, a me non serve più).

Per navigare su internet ci sono svariati protocolli. Quello usato per visitare le pagine web è il protocollo HTTP. Poi c’è anche il protocollo FTP (File Transfer Protocol) che, come ho detto, mi serve come il pane perhcé su classicistranieri.com ho bisogno di inserire file di grandi dimensioni (come le distribuzioni Linux, per esempio), vedere, spostare, cancellare dal server, caricare da computer remoto, fare qualcsa come un Terabyte e mezzo di backup, insomma, tutte queste cose che chiunque abbia una connessione internet di qualsivoglia tipologia può raggiungere tranquillamente, ma io evidentemente no. E che sono, negro? Ho contattato Fastweb, e incrocio le dita. Se non mi soddisfano mando a ramengo anche loro. Ma naturalmente avrò il numero di telefono fisso. Più sfiga di così…

Il pietismo del Mattino di Napoli sul dolore dei padri separati che uccidono i figli.

Reading Time: 2 minutes

Io non riesco a capire con quale criterio gli articolisti e i titolisti del “Mattino” di Napoli abbiano potuto partorire un commento, una chiosa, una nota a margine sulla tristissima vicenda di Margno, nella Valsàssina (meglio metterci l’accento) in cui un uomo, incapace di accettare le separazione dalla moglie che era in atto, ha ucciso prima i due figli, poi ha mandato un SMS alla moglie con la scritta “Non li rivedrai mai più”, e successivamente è andato a togliersi la vita buttandosi da non so dove.

C’è una donna che perde due figli, cazzo, ha l’esistenza sconvolta dal gesto di uno stronzo che non ha avuto nemmeno il coraggio di assumersi le proprie responsabilità davanti alla giustizia e alla società, facendo estinguere i reato per “morte del reo”, due bambini che non c’entravano nulla sono morti soffocati per mano del loro stesso padre, e il Mattino ha anche il coraggio di scrivere “Il dramma dei papà separati”? Ma cos’è, uno scherzo? Il giornalismo serio non può essere questo. Ci sono tanti papà separati (io sono uno di loro -non lo sapevate? Bene, adesso lo sapete-), alcuni vanno a mangiare alla Caritas o all’Opera di San Francesco per i poveri quando hanno bisogno di una doccia o di un cambio pulito (è a loro che dono il mio 5 x mille, fatelo anche voi), gente che dorme sotto i ponti perché la stronza della moglie ha portato via loro tutto, casa, figli, affetti e soprattutto soldi. TANTI soldi.

Ma questo non è il dramma di un padre separato, cazzo, questa è follia pura e semplice. Ripeto, ci sono padri separati che vivono in condizioni suqallide e disagiate, ma non si permetterebbero mai di reagire in questo modo. E allora tutto questo che senso ha se non quello di una battuta fuori luogo, di uno svarione, di uno scarso savoir faire, di un giornalismo rivoltante e disgustoso che antepone la sofferenza di un padre che stava per separarsi al dolore di una madre che perde in un colpo solo due figli e un (ex) marito. L’informazione non può assolutamente permettersi il lusso di confondere il ruolo della vittima con quella del carnefice, dell’imputato (che, ahimé, in questo caso non si farà mai processare) dalla parte lesa. Se no che informazione è? Io, veramente, non so, quale disagio stiano vivendo i titolisti che hanno scritto quel commento, né credo di avere voglia di saperlo.