Paolo Pezzana, ex sindaco di Sori, condannato a 200 euro di multa per diffamazione contro Salvini

Aveva definito Salvini come “Stronzo, cattivo, pericoloso”. E’ stato condannato dal giudice monocratico per diffamazione a 200 euro di multa, 3000 euro di risarcimento danno morale e le spese di procedimento. Si tratta dell’ex sindaco di Sori Paolo Pezzana che ha replicato “Rispetto il provvedimento ma sono stupito per l’interpretazione che il giudice ha dato di una giurisprudenza in cui il diritto di critica sia costituzionalmente protetto e, soprattutto in politica, possa essere esercitato in maniera anche forte senza per questo costituire un reato.”.

261 Views

Le magagne di Ubuntu 19.04 “Disco Dingo”

Ho provato Ubuntu 19.04. Non l’ho installato, ho usato solo una live da chiavetta creata con un programma formidabile incluso nel mio Linux Mint (e ci dispiace per gli altri). Non mi è piaciuto per niente, tanto che sto pensando sinceramente di brasarlo anche dalla chiavetta, tanto non lo userò nemmeno come sistema operativo “volante”. E’ veramente brutto (al contrario del suo cuginetto XUbuntu, che ha una grafica più essenziale ed accattivante), con tutte quelle iconcione grosse. Viene supportato fino al gennaio 2020 (praticamente scade dopodomani) e, quindi, se volete qualcosa di più stabile e supportato per una decina d’anni vi consiglio caldamente la versione 18.04. Ha una icona dedicata a Amazon che mi ha fatto letteralmente inorridire. Direte voi “Ma cosa inorridisci che il tuo blog è pieno di pubblicità di Amazon??” sì, ma io non pretendo di essere una entità libera e indipendente dalla pubblicità, non faccio un sistema operativo dedicato a tutti coloro che vogliano utilizzarlo gratuitamente. Addirittura secondo Richard Stallman “sarebbe un errore scegliere Ubuntu come sistema operativo libero” dato che “Ubuntu è una distribuzione GNU/Linux, contiene anche programmi proprietari.” Tra gli aggiornamenti della versione “Disco Dingo” ci sono quelli alle seguenti versioni: GCC 8.3, Glibc 2.29, Boost 1.67, rustc 1.31, Python 3.7.2, Ruby 2.5.3, PHP 7.2.15, Perl 5.28.1, Golang 1.10.4, libvvirt 5.0, QEMU 3.1 e OpenJDK 11, Mozilla Firefox 66.0 (che al momento del lancio della versione live viene già dichiarato come vetusto) e la suite LibreOffice 6.2.2. Insomma, nulla di straordinario o, semplicemente, di irrinunciabile. Ripenso alla versione 6.10 di Ubuntu con la quale cominciai ad installare Linux e ad imparare qualcosina (poco, anzi, pochissimo) che aveva una grafica essenziale e più friendly rispetto a questa accozzaglia di iconcione sponsorizzate. Tristezza unica. Non usatelo.

182 Views

Polli & rampolli (pochissimi i rampolli)

Uno degli argomenti più pregnanti e cogenti di queste ultime ore, uno di quelli che tocca la sensibilità umana con la purezza filosofica in cui si estrinseca è se i tortellini ripieni di pollo, nati per chi professa una religione che non permette di cibarsi di carne di maiale, siano in qualche modo “legittimi” o meno. Spaventato dalla portata etica e morale di questo argomento ho deciso di offrirvi queste inadeguate ma purtuttavia sussiegose riflessioni. I tortellini si fanno con il prosciutto crudo, cioè con la carne di maiale, su questo non ci piove. Può darsi che qualcuno abbia inteso questo obbrobrio dei tortellini ripieni di carne di pollo come un gesto di rispetto nei confronti di chi professa una religione diversa ed è ospite al proprio desco. In breve, se io ho degli ospiti musulmani, come posso farli sentire accolti a casa mia senza intaccare i loro principii? Ma semplice, coi tortellini di pollo. Cioè facendo a pezzi una ricetta tradizionale italiana che ha trovato terreno granitico nel lavoro domestico e manuale di centinaia e centinaia di massaie che confezionano la perfezione del tortellino tramandandone l’autenticità. Voglio dire, se ho un ospite vegetariano, non gli faccio i tortellini ripieni di verdurine sautées perché farei un obbrobrio. Gli farò, piuttosto, che so, del tofu con i funghi (che schifo il tofu!), una omelette alle erbe (in onore del personaggio di Pereira), un formaggio fritto o il cavolo che gli si frega, ma non vado a bestemmiare i tortellini. Il tortellino, che si dice abbia la forma dell’ombelico di Venere, è sacro e intoccabile. Non si rinuncia all’autenticità del nostro essere per andare incontro all’Altro. L’Altro, se proprio non può, i tortellini non li mangerà, mangerà qualcos’altro. Ma perché, dei ravioli al brasato di manzo li vogliamo buttare? Eppure non sono tanto dissimili né difficili da fare. I tortellini di pollo sono l’espressione di chi non ha fantasia, cultura, voglia di fare, gusto per le cose buone. Sono solo delle novità che possono trovare, tutt’al più, spazio in una vaschetta di plastica al reparto frigorifero del supermercato dove mi auguro che abbiano vita breve. Il rispetto non è “ti faccio qualcosa di diverso perché l’originale non lo puoi mangiare”, ma, “visto che tu non puoi mangiare il maiale non lo mangio nemmeno io”. E’ estremamente semplice. E costa poco dal punto di vista dell’economia domestica. Ma costa molto da quello dell’accoglienza.

170 Views