Vorrei essere come Paolo Attivissimo

attivissimo

Lo avrete già capito, ma è un po’ di tempo che scrivo sempre più di rado sul blog. Credo si tratti di un fenomeno assolutamente normale, in fondo il blog ha 12 anni, ha sfornato oltre 4000 post dei più vari e variegati argomenti e può a buona ragione permettersi un momento di crisi, di lentezza e, diciamocelo pure, di disinteresse.

Non è solo una questione di blog, è lo stesso mondo virtual-realistico del computer in sé a interessarmi sempre di meno. Pazienza, avrò altre cose a cui pensare. In fondo non devo nulla a nessuno, non scrivo il blog per nessun’altro motivo che non sia la mia personale soddisfazione, e me ne frego di quella dei lettori.

Poi c’era anche chi si alzava la mattina, si portava la colazione davanti al PC e prima di andare al lavoro si immergeva in ciò che scrivo. Erano soddisfazioni elevate all’ennesima potenza, non mi era mai capitato di accompagnare un caffellatte con dei frollini integrali, ma c’è chi ha fatto anche questo. E mi dispiace che si tratti di cose ed abitudini e che formino ormai parte del passato. Non vi voglio nemmeno stare a dire se e quando la mia voglia di pestare i polpastrelli sulla tastiera comincerà a riprendere ritmi più regolari e, quindi, più rassicuranti per voi (io sto bene anche così). Tra l’altro, non so se l’avete visto, ma praticamente non c’è più nulla di cui parlare. E ora lo so che mi direte “Ma no, c’è tanto da dire su Renzi, sulla Grecia, su Tsipras…!” Ecco, appunto, allora si può anche stare zitti.

Vorrei darvi delle certezze, ma non ne ho. Non ce ne sono. E quelle poche a cui posso aggrapparmi non mi interessano. Potrei, inoltre, fare affidamento su quella concezione stakanovista del lavoro sul web a cui spesso ho fatto riferimento, violentandomi a scrivere un post al giorno. Ma è, appunto, una forma di autoviolenza che non so nemmeno quanto durerebbe. Se non sono bravo a scrivere per ispirazione naturale fuguriamoci per (auto)costrizione!

Ecco, vorrei avere la volontà, disponibilità e capacità di Paolo Attivissimo. Per chi non lo conoscesse, Paolo Attivissimo è un blogger con una attività strepitosamente copiosa sul web (credo che il suo vero lavoro sia quello di traduttore informatico): mantiene un blog in cui parla di bufale in rete, ipotesti di complotto, questioni e problemi aerospaziali, ha una collaborazione con la Gazzetta dello Sport, raccoglie il meglio del suo materiale in libri che mette in linea gratuitamente, partecipa a conferenze e interviste, ha una trasmissione sulla Radio Svizzera, una moglie, tre figli un gatto, e io non ho mai capito come cavolo faccia a far combaciare tutto. Ma, ecco, sì, vorrei tanto essere COME lui, compresa la sua residenza in Svizzera (io muoio di caldo!) e quel suo simpatico termine “pizzaware”, coniato per le richieste di donazioni collegati ai suoi siti (perché a LUI le donazioni vengono fatte, a ME invece no, nemmeno se al posto di un pezzo di pizza vi chiedessi due fette biscottate e un misurino di plastica di marmellata di albicocche come quelli che dànno in ospedale). E’ capacissimo di scrivere un articolo su “Come premere il tasto INVIO del PC” con allegria, leggerezza espositiva e sense of humor, il che non guasta. Ecco, io invece sono solo capace di scrivere tre quattro osservazioni brevi e amareggiate sull’approvazione de “La buona scuola”, ottenuta da parte del governo Renzi, ma devo comunque trovarmi contento, perché se invece che sul blog avessi scritto tutto su Facebook o su Twitter a quest’ora non se ne sarebbe più ricordato nessuno. Ma non è l’argomento (politico o informatico) a fare la differenza, quello che spicca negli articoli e negli interventi di Attivissimo è questo stato d’animo giocherellone che prende in giro prima di tutto se stesso (definendosi “il Disinformatico”) facendo finta di non intendersi della materia di cui parla, mentre invece se ne intende parecchio. O, quanto meno, meglio assai di quanto possa fare un utente medio.

Ma non sono Paolo Attivissimo, e sicché il blog ve lo tenete così com’è. Anzi, con un gestore appena appena invidiosetto. Oggiù!

(Visited 1 times, 1 visits today)

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove − 2 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>