Tag Archives: De Andre

Il “principe libero” fa aumentare gli accessi di valeriodistefano.com

Negli ultimi due giorni, in concomitanza con la messa in onda della fiction sul cosiddetto “principe libero” dedicata a Fabrizio De André (fiction che mi sono ben guardato dal vedere in TV), il blog ha registrato un’impennata di accessi, concentrati soprattutto sul post dedicato alla “Canzone dell’amore perduto”, che mi ha apportato tante antipatie di […]

Cosa sarà che ti porta a cercare il giusto dove giustizia non c’è

Il fatto di avere un blog, di essere presente a vario titolo sui social network e di scrivere ora qui e ora là su internet mi espone, come è comprensibile che sia, alle opinioni degli altri. Questo è normale. A volte succede che le opinioni si trasformino in insulti (alla gente non devi dire che […]

15 anni dalla morte di Fabrizio De André

15 anni fa moriva Fabrizio De André e noi ci ostiniamo a non volerlo lasciare in pace, a non volerlo considerare come “passato”, a non volerlo vedere come un tempo composto e compiuto. Come qualcosa che “ha fatto parte di noi”, come gli zoccoli delle femministe, gli eskimi, il Rosso Antico e la Magnesia Bisurata […]

Per cui la quale, citare, citare, citare…

It’s still the same old story. Stavolta a essere pescato con le dita nella marmellata è  stato Massimo Gramellini. Oh, non da me, per carità, tutto quello che vi offro è roba  “precotta” (se volete “mangiare” meglio cucinatevi da soli!). I fatti (molto semplici, in verità). Una ragazza (de)scrive una esperienza vissuta sul suo  account […]

Il Ministro Mauro, Dante Alighieri e Fabrizio De André

Il ministro Mauro ha tentato di citare Dante. O forse De André. Non sono la stessa cosa, d’accordo. Quindi facciamo un po’ d’ordine. La frase riportata dal ministro è: “più che l’onor poté il digiuno” e l’ha attribuita a Dante correggendosi poco dopo (“o forse era De André”). Sì, era De André-Villaggio. La citazione è […]

Il “pregiudizio positivo” e altri incidenti di Jovanotti

Io il mare dentro una conchiglia non l’ho mai sentito. Quand’ero piccino il mi’ zio Piero e la mi’ zia Iolanda mi portavano al mare, pigliavano le conchiglie a riva e mi dicevano di metterle all’orecchio, ché “si sente il mare”. Io lo facevo, ma non sentivo niente. Ci guardavo dentro per vedere se ci […]

“Ottocento” di Fabrizio De André e “Donna de Paradiso” di Iacopone da Todi

Mi è capitato di scrivere qualcosa sulle “fonti” da cui De André ha attinto per alcune delle sue canzoni più celebri e osannate. Premessa necessaria a scanso di equivoci: io adoro De André. O, meglio, lo adoravo. Ora mi piacicchia. Un po’ perché lui non c’è più e io ho qualche anno, un po’ perché […]

Quello che non ho digerito di Fazio e Saviano

Che magari la gente si chiede anche “Chissà come mai il Di Stefano non ha ancora commentato la nuova trasmissione del duo Fazio-Saviano”… Vi dirò, non l’ho neanche vista, ne ho ascoltati e visionati qua e là alcuni estratti da YouTube dove non paiono essere particolarmente seguiti. Ma questa è solo una mia impressione (per […]

“La canzone di Marinella” e “Il Testamento” di Fabrizio De Andre’ sono anche di Olindo Guerrini

Qualche tempo fa ho parlato della "Canzone dell’amore perduto" di Fabrizio De André, dimostrando come la musica non fosse affatto sua (ma di un musicista barocco che si chiamava Telemann, si veda il caso, a volte si dice, eh??). Pensavo si trattasse di un caso di "ispirazione" isolato, anche se va detto che non gli […]

“La canzone dell’amore perduto” non e’ (tutta) di De Andre’ (ecco, ora come la mettiamo??)

Quando è che ci si accorge di essere vecchi?Ve lo dico io, quando vi crollano i miti. Quando quel poco che uno dava per scontato come stabile e perdurevole nella propria vita gli si sgretola come l’intonaco lasciato a marcire della palestra frequentata tanti anni fa (quasi mai frequentate palestre in vita mia, per fortuna).De […]

Dormono, dormono sulla collina… In morte di Fernanda Pivano

"E’ in gamba, sai,legge Edgar Lee Masters"(Francesco Guccini, Canzone per Piero)Fernanda Pivano conservava ancora, a 92 anni, l’ingenua freschezza di una studentessa che si ritrova in mano lo "Spoon River" di Edgar Lee Masters, lo traduce e diveta l’edizione di riferimento per un paese intero.Più brava di lei a cimentarsi nell’Antologia di Spoon River fu […]

Io son d’un’altra razza

#nd#