Ricordando Bert Jansch attraverso “Thirteen Down” (forse)

…ovvero, come svilire la copertita di uno dei dischi-simbolo della propria vita (e vergognarsi di brutto)…

 

(Visited 6 times, 1 visits today)

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Comments

  • Rosa  On 24 febbraio 2012 at 06:53

    Questa non l’avevo ancora vista! Ma io chi ho sposato? T.M.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 9 = dieci

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>