Le piu’ belle (?) canzoni della nostra vita – Culture Club – Karma Chameleon

Mi è capitato tempo fa di ascoltare "Primo Movimento", la trasmissione mattutina di Radio Tre dedicata alle novità discografiche di musica classica e dintorni. Generalmente quando trasmettono un musicista successivo a Beethoven spengo perché sono leggermente "old fashioned" e per me anche Verdi è, a tratti, fin troppo novecentesco.

Siccome la mattina ho sonno, mi càpita di non avere troppe energie per Mahler e Stravinskij. Ma quella mattina trasmisero un brano che mi spinge a vincere il sonno, il giramento di zebedèi e aspettare che il conduttori mi dica cos’è. Strano che mi succeda per un brano del ‘900. O di Bach.

Va beh, ve la faccio corta, il pezzo (ripeto, assolutamente splendido) era di Boy George. Quello dei "Culture Club", gruppetto canterino-leggerónzolo degli anni ’80, di cui Boy George era il leader indiscusso, coi suoi travestimenti, le sue ambiguità che costituivano delle vere e proprie trovate sceniche, gli eccessi di chi sa che il successo è arrivato e che uno se lo deve godere finché dura. Nel caso di Boy George, allora, ci fu anche il carcere.

"Karma Chameleon" fu una fólgore, una saetta, un brano che le radio passavano a manetta, un tormentone.

Un pezzo che aveva schiacciato l’indubbiamente meritevole autore in una immagine-icona che, evidentemente, bravo com’era anche come musicista, non gli si addiceva. Dopo le vicende processuali legate alla detenzione di stupefacenti e all’esperienza del carcere, Boy George lo si vede praticamente solo su YouTube. C’è un filmato del 2006 in cui uno stadio intero canta assieme a lui, scocciatissimo di ripetere la stessa nenia, conciato da "vedette" coi capelli lunghissimi. Ce n’è un altro di appena tre anni più tardi in cui è irriconoscibile. Il motivetto però è sempre lo stesso.

Come dev’essere triste essere condannati a cantare sempre la stessa canzone!

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.