Il senso (lato) di Report per la giustizia

La trasmissione di Milena Gabanelli sulla giustizia mi ha fatto arrabbiare.

Non certo perché abbia denunciato una situazione che conoscevo gia: ho querelato svariate persone per diffamazione nei miei confronti e la maggior parte delle querele attendono la prescrizione dentro un cassetto del Pubblico Ministero (non si è arrivati neanche alla prima udienza -che per la diffamazione svolge un po’ le veci dell’udienza preliminare-).

Mi ha fatto arrabbiare perché sono stati riaffermati due luoghi comuni giuridici che, al contrario di quelli della vita quotidiana, non hanno nulla a che vedere con la realtà. Ovvero che:

a) il patteggiamento è un’ammissione/sentenza di colpevolezza;

b) le sentenze per prescrizione sono di assoluzione.

Vediamo:

a) Non è vero che si patteggia solo perché si è colpevoli. E in un procedimento per patteggiamento non c’è un solo documento che indichi la colpevolezza dell’imputato in merito al reato ascrittogli. Il vantaggio che si trae dal patteggiamento è sì quello dello sconto di un terzo della pena, ma questo sconto viene riconosciuto non perché uno si dichiara o viene dichiarato colpevole, ma perché fa risparmiare un sacco di tempo e di soldi allo Stato. Invece di andare in primo, secondo e terzo grado di giudizio, si definisce la cosa in pochi minuti. Poi l’imputato può essere anche innocente. Uno dice “ma allora se è innocente perché patteggia?” Ecco, per esempio perché è un povero Cristo che non ha la possibilità di pagarsi un avvocato che lo assista nei tre gradi successivi, e che faccia venir fuori la verità. Oppure ha, si veda il caso, problemi di salute e preferisce dedicarsi a quelli piuttosto che a pensare alle beghe giudiziarie. Ognuno ha le proprie priorità. Certamente, le sentenze di patteggiamento sono, dal 2001, equiparabili a sentenza di condanna (“equiparabili” vuol dire che NON sono sentenze di condanna, che sono cose diverse, e che c’è una legge che le rende assimilabili).

Nella trasmissione è stata riportata una citazione di Gian Domenico Pisapia da “Speciale TG2″ del 31/10/1989: “L’abitudine di dichiararsi sempre innocente, in ogni caso secondo me va accantonata nei casi in cui l’imputato riconosca che le carte che ci sono nel processo sono tali da non dargli speranza.” Sarebbe condivisibile se l’imputato conoscesse immediatamente le carte del processo. Al momento del patteggiamento si conoscono solo quelle del Pubblico Ministero. Ed è proprio nel processo che si forma la prova perfetta, attraverso il contraddittorio tra le parti. Ma il patteggiamento è fatto proprio per NON entrare nel processo. E’ per questo che l’imputato non viene dichiarato colpevole. Proprio perché non si sentono testimoni, a carico o a discarico, non si raccolgono ulteriori elementi e si rinuncia al dibattimento.

b) La prescrizione, ovviamente, non assolve. In trasmissione, Nicola Bonucci, direttore Affari Legali OCSE di Parigi, ha affermato: “su 47 persone imputate da quando il reato esiste fino al 2011, 30 sono stati assolti non perché i fatti non erano stati commessi, non perché siano stati giudicati innocenti, ma solo per avvenuta prescrizione.” Appunto, non si dovrebbero dare queste informazioni sbagliate. Non possono essere stati assolti, sono stati prescritti, quindi la sentenza è di non luogo a procedere. Poi potevano benissimo esserci (o non esserci) elementi di colpevolezza. Ma nessuno viene “assolto” per prescrizione, e ci mancherebbe anche altro.

Va beh, dice uno, non si viene assolti ma la si fa franca. Vero, ma se la macchina della giustizia è lenta bisogna accettare anche che si fermi, non si può gioire per la condanna di Berlusconi sul filo della prescrizione e poi non riconoscere che è stato proprio questo istituto a salvarlo più volte, non ci sono due pesi e due misure per trattare la prescrizione, o la si accetta come costituente del nostro sistema o la si rifiuta in toto. E magari si va a vivere all’estero dove, secondo Report, le cose vanno molto meglio.

E ci sono varie tipologie di prescrizione: c’è quello che ha commesso un reato “minore” 8 anni fa e che arriva oggi alla prima udienza di primo grado. Il giudice non guarda nemmeno le carte, dichiara estinto il reato e chiude tutto perché la prescrizione in questo caso è di sette anni e mezzo. Quindi non si sa -non esssendo stato aperto nemmeno il dibattimento- se quel tizio era davvero colpevole. Si sa solo che si è tergiversato troppo. E poi c’è quello che è stato condannato in primo e in secondo grado ma che in Cassazione la sfanga. Lì nelle motivazioni sarà evidenziata la sua colpevolezza. Ma non certo nella sua fedina penale.

Parlando del sistema giudiziario inglese la Gabanelli chiude la trasmissione con queste parole: “Il procuratore (nel Regno Unito, ndb) ha discrezionalità, può decidere quali reati perseguire e quali no, i nostri magistrati sono obbligati a perseguirli tutti nello stesso modo.” E meno male, direi. Almeno, in teoria, chi ha subito un torto può vederselo riconoscere in sede penale o civile senza vedersi scavalcato nella classifica dei gradimenti.

E infine: “qual è il senso di tenere in piedi un processo che ti porta fino in Cassazione con una macchina così costosa e lunga per avere falsificato un biglietto del tram!” Il senso è mantenere in piedi dei principii-cardine: diritto di ciascuno di accedere alla legge o di servirsene per difendersi. Se uno ha falsificato un biglietto del tram il minimo che possa attendersi è che chi lo accusa dimostri davanti a un giudice terzo che lo ha falsificato, e che lo Stato gli consenta di andare a dire allo stesso giudice, che poi deciderà, come e perché non lo ha falsificato. Altrimenti veramente siamo qui a montare i pannelli fotovoltaici alle lucciole.

E ad avere bisogno di una informazione un pochino più “adeguata”.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 − tre =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>