Il blog “Mastella ti odio” denunciato alla polizia postale

Che quelli che hanno realizzato il falso blog di Pierferdinando Casini fossero incappati in un errorelo avevo detto anch’io.
Che quelli che hanno realizzato il vero falso blog mastellatiodio fossero gli stessi che avevano giocato con Casini lo avevano detto loro stessi. Ma Mastella li ha denunciati lo stesso.
Mastella denuncia tutti.Mastella denuncia quelli di mastellatiodio perché hanno fatto un blog uguale al suo nella grafica.
C’è da spiegare all’onorevole Mastella che non sono i soli, dato che quella grafica a pallini è un template.
E ci sarebbe anche da spiegargli che cos’è un template.

E come corollario finale, c’è da spiegargli che blogspot.com mette a disposizione quel template per tutti coloro che vogliano aprire un blog. Il che non significa che tutti i blog di blogspot.com siano a pallini, ma semplicemente, che quella grafica è uno dei tanti vestitini preconfezionati che blogspot mette a disposizione di chiunque (sì, anche di Mastella).

Poi, sempre con calma, bisognerebbe andargli a dire, con le dovute cautele del caso, che di siti-fake che gli fanno il verso ce n’è un altro, che risponde al link http://dementemastella.blogspot.com/.

In breve, Mastella denuncia chi lo odia apertamente e non chi gli dà del demente in maniera neanche tanto velata, sia pure con una punta di ironia, dote che il nostro ministro della Giustizia non sembra apprezzare particolarmente.  Sarà per quello che non se n’è ancora accorto.

E’ strano Mastella.

Il Dott. De Magistris arriva quasi ad indagare su di lui e ne viene disposto il trasferimento d’ufficio.
Domani sera Santoro avrebbe dovuto (potuto!) mettere in onda una puntata su Mastella e si è mosso un pezzo grosso dell’UdeUR dicendo che quella puntata non s’ha da fare se no salta qualche testa della RAI.

Mastella se la prende a male e non dovrebbe. L’odio è un sentimento nobile sia per chi lo prova che per chi ne è oggetto.
Dovremmo serbarne il ricordo nell’oblio. Vedremo se riuscirà a denunciare anche la memoria per averlo messo da parte.

(lo screenshot è tratto da: www.repubblica.it)

(Visited 1 times, 1 visits today)

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre × 8 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>