Gino Paoli e la Canzone dell’Amore perduto di De André

Gino Paoli, in una intervista a Andrea Scanzi su “Il fatto quotidiano” del 29 settembre scorso a domanda ha risposto:

D: L’autoscatto più nitido di De André, quindi, è la Canzone dell’amore perduto?

R: Fabrizio si è fatto influenzare continuamente. Come tutti. Invece, in quel brano, c’è solo lui. Col tempo arrivano le sovrastrutture. Magari migliori, ma sei meno puro.

“In quel brano”, verrebbe da rispondere a Paoli, c’è anche Telemann, autore di quel Concerto per tromba e orchestra in Re, che costituisce ossatura e muscolatura della “Canzone dell’amore perduto”.

Nessuna sovrastruttura, quindi. Solo sostrati.

Gino Paoli in una immagine tratta da http://it.wikipedia.org/wiki/File:Gino_Paoli_cropped.jpg

(Visited 184 times, 1 visits today)

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


cinque × = 10

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>