Caro Figlio, torna, ‘sta casa aspietta a ‘tte!

Gianrico Carofiglio è magistrato acuto e scrittore raffinato.

A chiunque mi legga consiglio di buon grado di andare nella prima libreria disponibile, catapultarsi verso il reparto dell’editore Sellerio, comperare i tre romanzi con protagonista l’avvocato Guerrieri (“Testimone inconsapevole”, “Ad occhi chiusi” e “Ragionevoli dubbi”), che sono tanto belli da tenere tra le mani, con quella carta giallina e quel formato così comodo per il lettore (specie per chi, come me, legge a letto).

Poi, andando verso la cassa, ci si può fermare a comperare “Il passato è una terra straniera“, pubblicato per la Rizzoli, ma, si sa, nessuno è perfetto.

E non è perfetto nemmeno Carofiglio, tant’è che si è candidato alle elezioni nelle liste del Partito Democratico.

I suoi lettori non se lo aspettavano di certo (le sue lettrici e ammiratrici, invece, se lo aspettavano di sicuro!), è stato un fulmine a ciel sereno che ha lasciato tutti un po’ sbigottiti.

Questa è la vita, è vero. Ma Carofiglio esagera!

L’autore di colpi di genio narrativi assoluti come la lettura del gomito e le scappatelle giapponesi si riconcili con la sua terra e con i suoi lettori continuando a scrivere e a fare il magistrato, senza mischiarsi con la sporcizia quotidiana del Parlamento Italiano.

L’Avvocato Guerrieri disapproverebbe in pieno.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Commenti

commenti

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + 5 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>